Mer 24 Aprile 2019 — 13:00

Alitalia: i sindacati ascoltati in Commissione, ok alla proroga



Domani tocca ai commissari. Chiesta la partecipazione dei lavoratori alla governance e con una quota di minoranza anche dello Stato

Luce verde dei sindacati di Alitalia, ascoltati in Commissione al Senato, al decreto che proroga i tempi di vendita della compagnia aerea. Domani toccherà ai commissari.

“Abbiamo dato il nostro parere favorevole”, affermano Filt Cgil, Fit Cisl, Uiltrasporti ed Ugl in una nota, “così da poter garantire il tempo necessario per compiere una scelta giusta sul partner più idoneo a rilevare Alitalia, che escluda qualsiasi ipotesi di un ridimensionamento della compagnia”.

Di fronte alla Commissione speciale per l’esame degli atti urgenti del Senato sulle misure per Alitalia, i sindacati hanno chiesto “una visione complessiva di sviluppo di lungo periodo della compagnia, che coinvolga la politica sulle regole e sulle infrastrutture e che abbia l’obiettivo di individuare il profilo di un partner industriale-finanziario solido, che abbia programmi di sviluppo per il traffico aereo del nostro Paese e che metta risorse sul lungo raggio”.

“A garanzia di questo – concludono – serve un Governo che sia parte attiva con un ruolo di controllo e di vigilanza, per evitare il ripetersi delle gestioni negative che hanno portato allo stato di insolvenza questo asset strategico di fondamentale importanza per lo sviluppo economico e turistico del Paese”.

I sindacati si oppongono a “qualsiasi forma di spezzatino” di Alitalia così come a “cessione a fondi finanziari speculativi, che avrebbero come unico obiettivo il rendimento del capitale investito e non lo sviluppo industriale dell’azienda”. Inoltre suggeriscono “per garantire un processo di vero sviluppo e salvaguardia dell’azienda”, di introdurre una forma di gestione della governance con quote di minoranza anche da parte dei lavoratori e dello Stato, “così come adottato dalle compagnie europee Lufthansa e Air France Klm”.

Eni news 24-04-2019 — 10:53

Eni, primo trimestre previsto in crescita

Il gruppo dovrebbe chiudere i primi tre mesi dell’anno con un utile operativo adjusted di 2,53 miliardi dai 2,38 miliardi del primo trimestre 2018, con il contributo decisivo come sempre dell’esplorazione & produzione

continua la lettura