Lun 08 Agosto 2022 — 02:25

Al via la nuova edizione dell’evento “Emancipazione dei leader futuri”



Un programma internazionale che vuole unificare gli sforzi interni ed esterni agli Emirati Arabi Uniti al fine di costruire figure nazionali consapevoli e capaci di rispondere alle sfide attuali e future

Emirati Arabi Uniti

Il programma di emancipazione Khalifa – Aqdar torna in campo con un nuovo imperdibile appuntamento.

Trattasi di un programma internazionale che vuole unificare gli sforzi interni ed esterni agli Emirati Arabi Uniti al fine di costruire figure nazionali consapevoli, elastiche e capaci di rispondere alle sfide attuali e future.

Tra gli obiettivi strategici dell’iniziativa, infatti, vi è il raggiungimento dell’integrazione tra le istituzioni più rilevanti; la consolidazione dei valori di cittadinanza, appartenenza e tolleranza verso i membri delle comunità locali e internazionali; l’aumento del livello di consapevolezza sui temi politici, culturali, religiosi e sanitari; lo sviluppo dello spirito di responsabilità comunitaria e delle personali capacità di leadership.

Così, alla luce del successo riscontrato dalle prime tre occasioni, sotto il patrocinio del Presidente Sua Altezza lo Sceicco Mohammed bin Zayed Al Nahayan, il programma di emancipazione ha organizzato la quarta edizione dell’iniziativa “Empowering Future Leaders, in un campo estivo nell’Accademia Militare Reale Britannica Sandhurst.

Questo nuovo incontro è volto al supporto e allo sviluppo della leadership e delle competenze personali da parte di una delle istituzioni migliori al mondo.
Il campo, infatti, supervisionato da Aqdar, accoglie 104 partecipanti, di ogni sesso, compresi studenti del Regno Unito con i loro coetanei emiratini al fine di facilitare lo scambio internazionale tra giovani, condividere conoscenze, esperienze e dialogare sui temi importanti che vengono loro sottoposti. I partecipanti includono studenti delle accademie militari e di polizia di Abu Dhabi, Dubai, Dharjah, oltre all’Accademia Militare di Zayed II, all’Accademia aerea di Khalifa bin Zayed, all’Accademia navale di Saeed bin Rashed.

In questa occasione i giovani hanno l’opportunità di avere accesso ai migliori istituti di leadership e militari, al fine di migliorare la fiducia in loro stessi e raggiungere le aspirazioni, promuovere abilità di leader. Solo apprendendo la capacità di condurre discussioni, impegnarsi nell’ascolto attivo e a lavorare sotto pressione, possono sviluppare capacità di guida.
Il governo dunque, punta molto sui giovani, convinto che siano la chiave per un futuro sempre più roseo.
Tuttavia, l’attenzione delle Autorità centrali non si discosta mai dall’incremento dell’economia quale nodo cruciale per l’esistenza degli Emirati Arabi Uniti tra i Paesi meglio posizionati al mondo.

Così, nel 2022 gli EAU sono stati scelti da milioni di imprenditori di tutto il mondo per far fruttare le loro risorse: costituire o trasferire una società a Dubai, infatti, è il modo vincente per assicurarsi un business di successo. Inoltre, investire a Dubai è il trend cui ogni utente aspira grazie a Dubai, unico vero hub finanziario internazionale, che unisce fruttuosamente i mercati d’oriente con quelli d’occidente.

Per aprirsi a questo mercato di nicchia, tuttavia, è necessario rivolgersi a chi conosce bene il territorio abitando e operando direttamente da lì. A tal fine, il consulente di riferimento per gli italiani a Dubai è Daniele Pescara, CEO di Falcon Advice, che da oltre un decennio accompagna spalla a spalla i più illuminati imprenditori italiani e non solo che desiderano investire a Dubai.

Per saperne di più, prenota una consulenza.

moratorie covid 06-08-2022 — 11:35

Semestrali banche italiane, trainate dal margine d’interesse

L’analisi condotta per First Cisl dal Comitato scientifico della Fondazione Fiba sui conti di Intesa Sanpaolo, Unicredit, Mps, Banco Bpm e Bper

continua la lettura