Mer 28 Settembre 2022 — 01:54

Unicredit, in partenza la seconda tranche del buyback



Il titolo della banca di piazza Gae Aulenti sale anche in scia al resto del comparto, che trae beneficio dall’aspettativa di tassi d’interesse sempre più elevati, nella convinzione che questi potrebbero compensare le ripercussioni di una eventuale recessione

Unicredit dividendi 2022

Unicredit decisamente ben intonata a Piazza Affari dopo l’annuncio dell’avvio del buyback o meglio della seconda tranche del programma di acquisto di azioni proprie.

Unicredit accelera in Borsa

Il titolo della banca di piazza Gae Aulenti sale anche in scia al resto del comparto, che trae beneficio dall’aspettativa di tassi d’interesse sempre più elevati, nella convinzione che questi potrebbero compensare le ripercussioni di una eventuale recessione.

Si attendono fra l’altro questa sera i nuovi verdetti della Fed. Intanto in un discorso la presidente della Bce Christine Lagarde ha detto ieri sera che “non lasceremo che si crei un problema durevole di inflazione”.

Inoltre le azioni, penalizzate alla vigilia dall’impostazione negativa generale, beneficiano anche delle indicazioni arrivate ieri dal ceo Andrea Orcel che nin esclude operazioni M&A in Germania.

Unicredit buyback

Tornando al tema del buyback, Unicredit ha annunciato l’avvio della seconda tranche da 1 miliardo del programma per 2,6 miliardi complessivi. L’operazione riguarderà al massimo 200 milioni di azioni, pari a circa il 9,89% del capitale; la banca ha conferito a Bnp Paribas Exane l’incarico di intermediario terzo abilitato che adotterà le decisioni sugli acquisti in piena indipendenza.

Unicredit informa che il buyback partirà questa settimana e “si prevede possa concludersi indicativamente entro il mese di novembre”.

In Borsa alle ore 10,31 Unicredit +1,71% a 10,684 euro.

tim cvc 27-09-2022 — 11:02

Tim, un ruolo per l’accoppiata Berlusconi Xavier Niel?

Spunta un’ipotesi che poggia sul nuovo sodalizio italo-francese e sulla netta vittoria del centrodestra alle elezioni. Mfe smentisce “raccordi con Iliad e Tim”

continua la lettura