Lun 20 Maggio 2019 — 03:38

Unicredit, in arrivo una mega multa per il caso sanzioni Iran



Accordo con gli Usa da 900 milioni di dollari per la condotta della sussidiaria tedesca Hypovereinsbank. L’esborso sarebbe integralmente coperto dagli accantonamenti

Unicredit news

Per Unicredit è in arrivo dagli Usa una maxi multa per la violazione delle sanzioni all’Iran. La banca guidata da Mustier sarebbe infatti vicina a un accordo con le autorità americane per una transazione di 900 milioni di dollari (oltre 800 milioni di euro). Lo ha riferito Bloomberg.

Unicredit non ha commentato l’indiscrezione, che pertanto non viene confermata ma nemmeno smentita. La banca si aspettava di transare con le autorità Usa entro il primo o il secondo trimestre 2019 e alla fine dello scorso terzo trimestre aveva riportato accantonamenti per 741 milioni legati principalmente alla questione Iran, e alle contestazioni Usa nei confronti della sussidiaria tedesca Hypovereinsbank.

L’istituto tedesco citata nel marzo 2011 alla corte newyorkese per aver intrapreso affari con società iraniane che ricadevano sotto le sanzioni americane.

L’accordo, che dovrebbe concretizzarsi nelle prossime settimane, punta a mettere fine alle indagini del Dipartimento di Giustizia, del Tesoro, ma anche della Fed e del Dipartimento dei servizi finanziari di New York.

Si tratterebbe di una delle multe più salate comminate dagli Stati Uniti per violazioni in termini di sanzioni, superato solo da quelli raggiunti con SocGen, Commerzbank, Hsbc e Bnp Paribas.

Secondo un report di Moody’s tra il 2012 e il 2018 le banche europee hanno pagato complessivamente 16 miliardi di dollari di sanzioni legate ad antiriciclaggio, violazione di sanzioni e mancati controlli. In tre casi su quattro ad aprire i contenziosi è stato il Dipartimento Usa di Giustizia.

Per quanto riguarda le banche italiane, un illustre precedente riguarda la multa da 235 milioni rifilata a Intesa Sanpaolo dalle autorità di New York, frutto di un accordo dopo accuse di mancanze in tema di antiriciclaggio.

Il mercato guarda al fatto che la multa per quanto alta sarebbe integralmente coperta dagli accantonamenti. In Borsa alle ore 9,36 le azioni Unicredit segnano +1,57% a 12,052 euro in linea con l’intonazione positiva dei mercati internazionali che riguarda anche il comparto bancario.

telecom tim news 17-05-2019 — 10:15

Tim, gelo di Starace (Enel) su dossier Open Fiber. Primo trimestre atteso in calo

Il numero uno di Enel ha detto che non c’è stata “nessuna sollecitazione formale da parte di Tim per possibili combinazioni, accrocchi e vendite”

continua la lettura