Lun 09 Dicembre 2019 — 09:51

Unicredit, esuberi al centro di una ridda di indiscrezioni



Possibili 10.000 tagli “responsabili”. Fonti sindacali scettiche sull’ipotesi di un maxi scivolo per la pensione fino a 7 anni

unicredit esuberi

Sale l’attesa per il nuovo piano di Unicredit 2020-2023, ma anche per il numero di esuberi che sarà comunicato contestualmente dalla banca. L’appuntamento è per il prossimo 3 dicembre, ma fioriscono i rumors. Si tratta anche del primo riscontro dopo lo studio shock che ha ipotizzato 70.000 esuberi nei prossimi 5 anni nelle banche italiane.

Unicredit, 10.000 esuberi?

Fonti sindacali tuttavia precisano a Finanza Report che non c’è ancora nulla di certo, nemmeno lo stesso numero di esuberi che è stato quantificato l’estate scorsi in 10.000 unità, con l’impegno da parte di Unicredit a effettuare i tagli per mezzo di uscite volontarie e in modo responsabile.

Viene inoltre fatto notare che sono incerti i tempi d’avvio della procedura. C’è da attendere infatti l’esito della serrata trattativa sul rinnovo del contratto dei bancari, che questa settimana ha visto una duplice fumata nera. Il management guidato dal ceo Jean Pierre Mustier si riserverebbe quindi di aspettare, altrimenti sarebbe una forzatura.

Un altro punto chiave è ovviamente legato al numero degli esuberi in Italia, dove dovrebbero essere concentrati, rispetto a un gruppo che dà comunque lavoro in Europa a 86.000 persone. I sindacati a quel punto calibrerebbero la richiesta di nuove assunzioni.

unicredit mustier

Il ceo di Unicredit, Jean Pierre Mustier

Ipotesi maxi scivolo per la pensione

Scetticismo invece sull’ipotesi di un maxi scivolo per la pensione fino a 7 anni in Unicredit, riferito da indiscrezioni di stampa, per centrare l’obiettivo dei 10.000 esuberi. Lo schema sembra poco credibile per i costi che questo comporterebbe. Il management, ma anche gli azionisti, potrebbero infatti chiedersi se sia una mossa “sostenibile”.

Finora la banca si è spinta a offrire fino a 5 anni. Comunque, “mai dire mai”, commenta la fonte sindacale invitando generalmente alla prudenza sulle voci che gireranno fino al prossimo 3 dicembre, quando l’intero piano sarà svelato.

Di certo i sindacati (sono schierati come sempre Fabi, First Cisl, uilca, Fisac Cgil e Unisin) sono determinati a dare battaglia. Dalla fusione con Capitalia a oggi, tra piani industriali e altre revisioni, Unicredit ha tagliato 40mila posti di lavoro. Nell’era Mustier ci sono stati circa 15mila esuberi.

In Borsa intanto il titolo scambia in rialzo nonostante la giornata debole: alle ore 11,42 le azioni Unicredit segnano +0,38% a 12,582 euro.

borsa italiana oggi 09-12-2019 — 08:13

Borsa italiana oggi: Unicredit, Mps, Mediaset

L’apertura delle Borse europee è attesa oggi marginalmente negativa

continua la lettura