Lun 18 Febbraio 2019 — 01:59

Unicredit, consensus analisti prevede quarto trimestre positivo



Per l’intero anno l’utile è atteso in frenata e i ricavi stabili, ma gli investitori presteranno attenzione soprattutto alle indicazioni del ceo Jean Pierre Mustier

Unicredit news

Unicredit dovrebbe archiviare il quarto trimestre 2018 con risultati in leggera crescita rispetto allo stesso periodo del 2017. La stima si ricava dalle previsioni del consensus pubblicate come di consueto sul sito della banca.

Per l’intero anno l’utile è atteso in frenata e i ricavi stabili, ma gli investitori presteranno attenzione soprattutto alle indicazioni del ceo Jean Pierre Mustier, che ha già annunciato un piano di dismissioni fra le “misure a protezione del capitale” dopo i conti del terzo trimestre che hanno visto la svalutazione della controllata turca Yapi Kredi.

Venendo al consensus degli analisti, le attese sono per un utile netto nel quarto trimestre di 719 milioni, su ricavi per 4,865 miliardi. Il margine di interesse è visto a 2,76 miliardi e, sempre sul fronte dei ricavi, le commissioni dovrebbero attestarsi a 1,68 miliardi.

Nel quarto trimestre 2017 l’utile netto fu pari a 708 milioni rettificato e 801 milioni contabile, su ricavi per 4,8 miliardi, di cui margine d’interesse a 2,6 mld e commissioni a 1,7 mld.

Nell’esercizio 2018 l’utile netto di Unicredit è previsto dal panel di 20 broker a 2,873 miliardi di euro, su ricavi per 19,737 miliardi. Nel 2017 il netto rettificato era stato di 3,7 miliardi, con i ricavi a 19,6 miliardi.

Il dividendo, almeno secondo le stime, dovrebbe attestarsi a 0,28 euro da 0,32 euro di un anno prima (-13%). La banca ha indicato un payout del 20% sul 2018 e del 30% sul 2019.

I risultati finanziari saranno esaminati dal cda il prossimo 6 febbraio e comunicati al mercato il 7 febbraio.

Intanto in Borsa le azioni Unicredit scambiano oggi positive. Alle ore 12,15 Unicredit sale dello 0,63% a 10,472 euro, con il Ftse Mib poco mosso.

Fca news 15-02-2019 — 11:19

Fca bocciata da Banca Imi, il 2019 è molto impegnativo

La banca d’affari taglia raccomandazione e target price a causa delle guidance sotto le attese annunciate dai vertici aziendali in occasione della pubblicazione dei conti

continua la lettura