Ven 18 Gennaio 2019 — 01:30

Ubs Am punta su high yield europeo



Dalle banche alle telecom: ecco secondo il gestore su quali settori conviene orientarsi

Nel contesto attuale, caratterizzato da tassi di default bassi e una politica della BCE accomodante, crediamo che gli spread delle obbligazioni High Yield europee continueranno a rimanere attraenti rispetto alle altre soluzioni obbligazionarie. L’impatto del Programma CSPP (Corporate Sector Purchase Programme), partito lo scorso 8 giugno, potrebbe vedere un potenziale restringimento degli spread, portando a un probabile ulteriore rialzo di questa asset class.

Il miglioramento, se pur graduale, dell’economia europea e il sollievo che verrà dato ai mercati dall’imminente rialzo dei tassi della FED ci fa ben sperare che la volatilità possa rimanere controllata nel breve termine. Inoltre, se i bilanci delle banche europee continueranno a migliorare, portando a una maggiore stabilità e crescita economica in Europa, potrebbe esserci un ulteriore potenziale di rialzo per le obbligazioni High Yield. I rischi al ribasso sono invece legati alla debolezza delle commodity (e al suo possibile impatto sui mercati globali) e alla volatilità trainata dalle decisioni delle banche centrali.

Crediamo che ci siano diversi settori in cui le società emittenti mostrano valutazioni attraenti e fondamentali stabili e in miglioramento. Uno di questi è quello bancario, che, oltre ad avere prezzi interessanti, sta continuando il processo di deleveraging e miglioramento dei bilanci; lo stesso non si può dire, sulla base delle ultime pubblicazioni degli utili, per molti altri settori europei. Ci piacciono inoltre i settori che traggono vantaggio dai prezzi bassi del petrolio, per esempio il settore chimico, che beneficia direttamente dei costi di produzione più bassi, e le società del settore Beni di Consumo, che beneficiano invece dell’aumento del potere dei consumatori. Un terzo settore a cui guardiamo è quello dell’Healthcare, che trae giovamento dal miglioramento delle finanze dei governi nella fase post-austerity. Infine, una parte core del nostro portafoglio è rappresentato dai settori Cable e Telecom, che hanno modelli di business più difensivi, con un solido payoff rischio/rendimento.
[right]*Fixed Income Investment Specialist del team di gestione del fondo UBS Euro High Yield[/right]

Mps 17-01-2019 — 10:06

Mps, ipotesi Sga su Npl. E per il risiko spunta Bper

La bad bank del Tesoro potrebbe acquisire gli Npl riducendo le necessità di capitale e creando le condizioni per un’aggregazione, ma sono ancora molti i nodi da risolvere

continua la lettura
NOTIZIE CORRELLATEtorna alla sezione

Intesa Sanpaolo: Eurizon cerca partner, in corsa anche Blackrock

Goldman Sachs rispolvera l’oro

Banche, in tre anni bruciati 12mila posti

Banche italiane in fuga dai Btp

In Europa un anno nero per le Ipo

Banche europee, gli Npl sono 1,2 trilioni

Istat, calano ordini e fatturato dell’industria italiana

Cattolica

Cattolica in luce, Buffett diventa socio votante