Mar 22 Ottobre 2019 — 14:42

Tim: si chiude con la vendita dossier Persidera, ok di Gedi



Si chiude così positivamente la lunga vicenda della vendita della società dei multiplex per il digitale terrestre, mentre il board di Telecom guidato da Luigi Gubitosi mette a segno un tassello del piano industriale presentato nello scorso febbraio

tim open fiber fondi

Tim, assieme al gruppo editoriale Gedi che stavolta ha dato il suo assenso, ha ceduto Persidera a F2i ed Ei Towers per complessivi 240 milioni. Si chiude così positivamente la lunga vicenda della vendita della società dei multiplex per il digitale terrestre, mentre il board di Telecom guidato da Luigi Gubitosi mette a segno un tassello del piano industriale presentato nello scorso febbraio, operazione che non era riuscita alla gestione precedente.

Tim e Gedi cedono Persidera a F2i-Ei Towers

Gedi infatti tra febbraio e marzo 2018 aveva mandato a monte il deal con F2i-Raiway per una questione di convenienza legata al prezzo di carico. Per la società si era fatto avanti anche il fondo Usa ISquared, mentre la sola Rai Way era interessata a sua volta all’azienda, ma senza multiplex, avendo raggiunto i limiti stabiliti dall’antitrust per i canali del digitale terrestre.

Tim ha una partecipazione del 70% in Persidera iscritta a bilancio per circa 133 milioni; Gedi il 30% per 90 milioni.

In base all’accordo comunicato oggi, F2i (che vede la Cdp al 14%, alla pari di Unicredit e Intesa Sanpaolo) acquisirà l’intero capitale della nuova Persidera mentre Ei Towers (società leader delle torri di cui nei mesi scorsi Mediaset ha ceduto il controllo alla stessa F2i), acquisirà il 100% della nuova società di infrastruttura di rete.

L’impatto complessivo atteso sulla riduzione della posizione finanziaria netta del gruppo Tim nel 2019 è pari a circa 160 milioni, importo che comprende il corrispettivo da incassare al closing (entro il quarto trimestre) per la partecipazione del 70%, i dividendi distribuiti dalla società e l’effetto del deconsolidamento del debito Persidera.

Gedi ha fatto sapere che l’intesa prevede per il gruppo editoriale un corrispettivo di 74,5 milioni, da cui verranno detratti al closing i dividendi distribuiti nel corso del 2019 ed a cui saranno aggiunti gli interessi che matureranno dal primo agosto 2019 fino alla data del closing (Euribor + 4%, su base annuale).

In Borsa alle ore 9,59 le azioni Telecom segnano +1,58% a 0,4617 euro; la quotazione di Gedi beneficia ancor più dell’operazione, il cui impatto è comunque migliore del previsto, con un +4,17% a 0,2995 euro.

Borsa italiana trimestrali 22-10-2019 — 02:29

Trimestrali entrano nel vivo su Borsa italiana con Saipem, Moncler, Stm, Eni, Mediobanca

Gli operatori si stanno posizionando anche alla luce di questi eventi e delle previsioni degli analisti sui conti del terzo trimestre 2019

continua la lettura