Mer 28 Settembre 2022 — 02:02

Tim, nuova stangata: per Barclays azioni valgono 0,15 euro



Nuovi minimi storici dopo il secondo downgrade di fila

tim labriola

Telecom (Tim) nuovamente sotto pressione in Borsa, con le azioni Telecom Italia che aggiornano i minimi storici, dopo il secondo downgrade consecutivo in 24 ore.

Gli analisti di Barclays hanno infatti tagliato la raccomandazione sul titolo da equal weight a underweight e il prezzo obiettivo da 0,19 a 0,15 euro.

Ieri a calare la scure era stata Hsbc, che ha tagliato il rating su Tim da buy a hold con un target price di 0,20 euro: le azioni avevano chiuso a -2,7% ma oggi cedono altro terreno.

Il tutto mentre su Tim pesano anche gli ultimi screzi fra soci in cda sulla valutazione della rete, un braccio di ferro che vede contrapposti Vivendi e Cdp.

Non bastano a risollevare il titolo i rumors su una possibile accelerazione della vendita degli asset Enterprise.

Arriva invece un’altra bocciatura. Il broker cita il quadro macro debole e il livello di competizione su alcuni mercati (come quello italiano) che incide sui prezzi e rende più complicato adeguarsi all’inflazione.

Barclays stima per Tim una “bolletta energetica” di 200 milioni nel 2021 che dovrebbero essere saliti a 260 milioni nel 2022 e crescere l’anno prossimo di ulteriori 90 milioni.

Dito puntato inoltre sul debito, mentre le possibilità di un riassetto per il gruppo guidato da Pietro Labriola sembrano affievolirsi. Quanto all’eventuale nazionalizzazione, ipotesi caldeggiata dal partito politico Fratelli d’Italia, questa consentirebbe alle minoranze di uscire ma c’è incertezza su quale potrebbe essere il prezzo.

Barclays resta intanto equal weight su Vodafone (target limato da 140 a 120 pence) e Telefonica, il cui obiettivo di prezzo passa da 4,70 a 4,10 euro.

In Borsa alle ore 9,32 le azioni Telecom Italia segnano -5,2% a 0,1889 euro, sotto il precedente minimo storico di 19 centesimi.

tim cvc 27-09-2022 — 11:02

Tim, un ruolo per l’accoppiata Berlusconi Xavier Niel?

Spunta un’ipotesi che poggia sul nuovo sodalizio italo-francese e sulla netta vittoria del centrodestra alle elezioni. Mfe smentisce “raccordi con Iliad e Tim”

continua la lettura