Gio 21 Novembre 2019 — 02:56

Tim: Elliott e Vivendi trattano il rimpasto. Sacrificati Genish e Conti?



Diverse le indiscrezioni che confermano i rumors rilanciati ieri per la prima volta da Bloomberg. Il titolo si conferma positivo in Borsa

tim open fiber fondi

Elliott e Vivendi trattano sul rimpasto del cda di Tim: è quanto emerge da molteplici indiscrezioni che confermano i rumors rilanciati ieri per la prima volta da Bloomberg.

Tim: Elliott e Vivendi trattano le condizioni per la pace

Sarebbe dunque vicina la pace tra i due soci di Telecom, con un armistizio che metterebbe fine a una guerra che nell’ultimo anno ha probabilmente distratto il management dai dossier industriali, e che ha contribuito a pesare sul titolo in Borsa, protagonista di recenti minimi storici.

Resta tuttavia da vedere quali saranno le condizioni poste da una parte e dall’altra per sotterrare l’ascia di guerra. Anche qui sono molte le ipotesi in campo e vanno a intrecciarsi con il dossier della rete unica Tim-Open Fiber: fra l’altro l’operazione ipotizzata dalla Cdp comporterebbe nuovi pesi e una nuova composizione del cda.

Tim: fuori Conti e anche Genish?

Quanto ai possibili paletti, secondo una ricostruzione del quotidiano La Stampa, Vivendi auspica che il rimpasto cominci dalla presidenza (Fulvio Conti) sostituendo inoltre alcuni consiglieri per aumentare il peso francese. Tuttavia anche Amos Genish, l’ex ad di nomina francese, viene dato in uscita.

Elliott chiederebbe collaborazione sulla questione della rete e dell’integrazione di Open Fiber, ma potrebbe esserci anche la conversione delle azioni di risparmio in ordinarie che comporterebbe una diluizione di Vivendi in Tim. Le questioni rete e governance potrebbero viaggiare di pari passo: se ne parlerà al cda del 27 giugno.

In Borsa a metà seduta le azioni Telecom segnano un rialzo dell’1,7% sopra i 48 centesimi.

intesa sanpaolo nexi 20-11-2019 — 10:39

Intesa Sanpaolo e Nexi trattano maxi alleanza nel settore dei pagamenti

La banca guidata da Carlo Messina sarebbe pronta a conferire la propria divisione acquiring al gruppo specializzato nei pagamenti digitali, di cui diverrebbe un azionista di riferimento al 30-40%

continua la lettura