Dom 19 Settembre 2021 — 07:37

Tenaris: analisti positivi, Equita alza raccomandazione a buy



Jefferies ha migliorato il prezzo obiettivo, lasciando però invariato il rating hold

Tenaris raccomandazione

Azioni Tenaris in evidenza oggi a Piazza Affari dopo che gli analisti di Equita hanno alzato la raccomandazione a buy, alzando il target price. Anche Jefferies ha migliorato il prezzo obiettivo, lasciando però invariato il rating hold.

Tenaris: nuove raccomandazioni e target

Infatti Jefferies ha alzato il target da 8 a 9 euro, confermando appunto il giudizio hold.

Equita Sim invece ha alzato la raccomandazione su Tenaris a buy e il target price da 9 a 11 euro per azione.

Gli esperti della Sim milanese hanno rivisto al rialzo le stime 2021-2023 per riflettere uno scenario piú costruttivo sul prezzo del petrolio e sui prezzi OCTG (tubi d’acciaio). Per il periodo in esame Equita stima fra l’altro un tasso di crescita annuo medio del 12% per il fatturato e del 20% per l’Ebitda.

Equita si aspetta un re-rating dell’azione guidato da ripresa della domanda di servizi petroliferi a livello internazionale grazie a recupero della domanda globale di petrolio e riduzione dell`offerta causata da una stretta disciplina sul fronte investimenti E&P negli ultimi anni.

Tenaris punta a ripresa prezzo del petrolio

Il rialzo del prezzo del petrolio migliora la visibilitá sul trend di recupero del settore e di conseguenza degli utili per i prossimi anni, mentre la domanda di tubi OCTG ha toccato il punto piú basso nel terzo trimestre 2020, proseguono gli analisti di Equita.

Per il broker inoltre Tenaris è una societá ben gestita, con una struttura finanziaria solida (tra le piú forti nell`industria) e presenza locale in mercati con interessanti prospettive nel settore.

In Borsa alle ore 11,54 le azioni Tenaris segnano +2,35% a 9,316 euro con il Ftse Mib poco mosso; più indietro oggi nel settore Eni e Saipem appena sopra la parità.

unicredit ermotti 17-09-2021 — 10:25

Unicredit e Mps, si apre il capitolo esuberi

La banca milanese invoca le garanzie che furono accordate a Intesa Sanpaolo per le banche venete

continua la lettura