Ven 19 Aprile 2019 — 07:00

Quattro in corsa per gli Npl del Banco Bpm



L’istituto seleziona quattro soggetti fra cui Blackstone e anche Algebris di Davide Serra

Banco Bpm ha selezionato nei giorni scorsi quattro soggetti per il suo portafoglio di Npl secured, ossia garantiti da sottostante immobiliare, di valore compreso tra 700 e 800 milioni di euro. All’istituto erano pervenute una trentina di offerte non vincolanti.

Si tratta del cosiddetto “Project Rainbow”. I soggetti finiti in short list, secondo indiscrezioni riportate stamani dalla stampa, sarebbero il colosso statunitense Blackstone, Cerberus, il fondo Bain Capital Credit e Algebris, il fondo di Davide Serra, il finanziere considerato vicino all’ex premier MAtteo Renzi.

L’operazione, che dovrebbe concludersi entro giugno, è giudicata interessante sia per l’istituto guidato da Giuseppe Castagna, poiché rappresenta il 10% del totale degli 8,1 miliardi di sofferenze che dovranno essere dismesse secondo il piano, sia per il mercato poiché il prezzo spuntato rappresenterà un benchmark visto che si tratta di portafoglio interamente secured. Il pacchetto comprende una componente alberghiera significativa: due degli hotel di Acqua Marcia in Sicilia, Villa Igea di Palermo e il Gran hotel Palme, e la Idea Hotels, una catena di alberghi che era stata apportata ad un fondo di Beni Stabili, oggi ormai in liquidazione. Tra gli asset anche alcuni immobili di Danilo Coppola.

Il titolo del Banco Bpm avanza in questo momento a Piazza Affari di un +1,3% a 2,46 euro, proseguendo il recupero messo a segno ieri. L’indice bancario sale dello 0,6%. Il Ftse Mib è sulla parità.

carige news 18-04-2019 — 09:54

Carige, piano di Blackrock lacrime e sangue

La taglia dell’aumento di capitale destinata a salire ad almeno 700 milioni, indiscrezioni sul taglio massiccio di filiali ed esuberi. Una call del gestore Usa sulla quota del Fitd

continua la lettura