Mer 08 Dicembre 2021 — 14:05

Open Fiber: Cdp approva il riassetto, ora focus su Tim e rete unica



La Cassa si rafforza e prende il controllo, entra Macquarie

Open Fiber pronta al riassetto dopo il via libera di Cdp all’acquisto di un ulteriore 10% da Enel, che potrà cedere il restante 40% della sua quota al fondo infrastrutturale australiano Macquarie.

In Borsa ne approfitta soprattutto Telecom (Tim), in buon rialzo questa mattina a Piazza Affari, poiché le news riaprono la partita della rete unica. La stessa Tim ha intanto lanciato la nuova società Fibercop con Fastweb e fondo Kkr.

Open Fiber, Cdp approva riassetto

Obiettivo della Cdp, che è anche azionista di Telecom con il 10%, è “rafforzare il proprio sostegno a un’infrastruttura strategica di grande importanza per la digitalizzazione e la competitività del Paese”.

Per il 10% di Open Fiber la Cassa Depositi e Prestiti avrebbe messo sul piatto 530 milioni. La Cdp detiene già il 50% di OF e ne prenderà il controllo. Enel cederà il 40% a Macquarie sulla base di una valutazione della società di 5,3 miliardi. A breve si riuniranno i cda di Enel e Open Fiber.

Uno dei nodi sul tavolo della trattativa, quello della governance è stato sciolto e Cdp ha autorizzato la sottoscrizione di un term-sheet vincolante con Macquarie per definire gli assetti di governance di OF successivi all’ingresso del fondo nel capitale. La Cassa esprimerà ad e presidente, Macquarie il direttore finanziario (cfo).

Inoltre Cdp si è impegnata ad apportare nuove risorse prima del closing, “finalizzate a sostenere l’accelerazione del piano di sviluppo della rete infrastrutturale”.

Open Fiber e rete unica

Cdp si pone sempre come investitore di lungo periodo in società operanti in settori e tecnologie prioritarie per il Paese e in questo senso la Cassa definisce l’operazione su Open Fiber “coerente”. L’obiettivo, esplicita, “è quello di estendere su scala nazionale una rete in fibra ottica aperta a tutti gli operatori, riducendo il digital divide”.

Secondogli analisti di Equita la notizia è “positiva per Tim perchè, una volta sbloccato l’impasse su Oper Fiber, ci aspettiamo che Cdp ritorni sul dossier rete unica, sulla linea della lettera d’intenti siglata con Tim ad agosto”.

In Borsa alle ore 10,34 le azioni Telecom segnano +3 67% a 0,4552 euro; Enel -0,16% a 8,325 euro.

intesa cattolica 08-12-2021 — 10:20

Intesa Sanpaolo, ok al contratto integrativo

Accordo con i sindacati sull’armonizzazione per i dipendenti ex Ubi

continua la lettura