Ven 18 Giugno 2021 — 10:04

Opa dei fondi su Cerved, prezzo 9,5 euro per azione



Offerta finalizzata al delisting messa sul piatto dalla società Castor che fa capo a Ion Capital di Andrea Pignataro, con una partecipazione del fondo sovrano di Singapore Gic e un impegno di Fsi

I fondi lanciano un’opa sull’intero gruppo Cerved al prezzo di 9,5 euro per azione. L’offerta finalizzata al delisting è stata messa sul piatto dalla società Castor che fa capo a Ion Capital di Andrea Pignataro, con una partecipazione del fondo sovrano Gic di Singapore e un impegno di Fsi.

Opa Cerved a 9,5 euro per azione

Il corrispettivo offerto dai fondi per Cerved incorpora un premio del 34,9% rispetto al prezzo ufficiale del 5 marzo e del 43% rispetto alla media a 12 mesi.

Ieri il titolo era balzato di circa il 15% a 8,01 euro, sui massimi da oltre un anno, sull’attesa di una cessione della divisione Npl, mentre i rumors non avevano comunque escluso la vendita dell’intero gruppo.

Opa Cerved, in Castor c’è Ion Capital con Singapore

L’opa ha un controvalore massimo di 1.855 milioni.

Il capitale sociale di Castor è interamente detenuto da Castor Bidco Holdings, società di diritto irlandese a sua volta detenuta da Bidco Parent che fa capo a Ferm Ion Investment Group, a sua volta controllata da Ion Capital Partners: quest’ultima per il 10% è in mano a GIC Private, fondo sovrano di Singapore, e per 4,25% da alcuni investitori, mentre l’intero capitale di Ion Capital è indirettamente detenuto dal Andrea Pignataro.

Tutti i soggetti appartenenti alla lunga catena con base a Dublino sono considerati agire di concerto.

L’impegno di Fsi

A tali soggetti si aggiunge Fsi Sgr. Proprio nei giorni scorsi Ion Capital aveva acquisito dallo stesso fondo Fsi e dalle banche l’intero capitale di Cedacri.

Fsi Sgr ha sottoscritto un term sheet con FermIon della durata massima di 5 anni con l’impegno a sottoscrivere, a fronte di un versamento di 150 milioni di euro, uno strumento finanziario emesso da Bidco Parent, riscattabile o convertibile in azioni di categoria speciale di Bidco Parent.

Lo strumento potrà essere convertito in azioni di categoria speciale riscattabili di Bidco Parent, rappresentative di una quota del capitale sociale di Bidco Parent proporzionale all’ammontare dell’investimento complessivo effettuato da Fsi entro 12 mesi dall’eventuale delisting mentre nel caso di mancata conversione, sia riscattabile da entrambe le parti.

Opa Cerved finalizzata al delisting

Per quanto riguarda gli azionisti Cerved, la società detiene azioni proprie per l’1,53% del capitale mentre i principali azionisti con più del 3% sono Wellington Management Group con il 5,077%, Massachusetts Financial Services Company con il 4,182%, Kayne Anderson Rudnick Investment Management con il 3,064%, il gruppo MutuiOnline con il 3,015% e Giancarlo Broggian (Servizi Cgn) con il 3,006%.

L’opa punta al raggiungimento del 90% del capitale, tra le condizioni, per il delisting che qualora non fosse raggiunto potrà essere conseguito mediante la fusione di Cerved nell’offerente o in altra società non quotata facente parte del gruppo riconducibile ad Andrea Pignataro.

L’offerente non esclude la possibilità di valutare in futuro la “realizzazione di operazioni straordinarie e/o di riorganizzazione societaria e di business che si ritenessero opportune”.

In Borsa il titolo Cerved non fa prezzo: da vedere se si limiterà ad adeguarsi al prezzo dell’opa o se comincerà a scontare qualche rilancio.

Borsa italiana oggi 18-06-2021 — 08:27

Borsa italiana oggi: Prysmian, Mediaset, Banco Desio

L’apertura delle Borse europee è attesa oggi poco mossa

continua la lettura