Lun 18 Febbraio 2019 — 02:04

Oggi in Borsa: l’aumento Unicredit



Ultimo giorno per scambiare i diritti d’opzione, poi sarà possibile solo esercitarli. I vertici di Generali fanno visita al premier

I mercati ripartono oggi da una seduta di consolidamento sulle Borse mondiali, che ha visto ieri frenare anche Wall Street dopo cinque chiusure record di fila. Pochi gli spunti macro economici. A Piazza Affari occhi puntati su Unicredit nell’ultimo giorno di negoziazione dei diritti d’opzione, che potranno essere esercitati fino al 23 febbraio.

Intanto a Tokyo il Nikkei ha chiuso stamani in calo dello 0,58% a 19.234 punti.

Sul mercato dei cambi l’euro/dollaro segna quota 1,0671, stabile (-0,01%) dopo il rimbalzo di ieri.

Positivo il petrolio con il Brent a 55,80 dollari (+0,27%) e il Wti a 53,46 (+0,21%).

A Wall Street ieri il Dow Jones ha chiuso ieri sera in timido rialzo + 0,04% a 20.619 punti, S&P 500 -0,09% a 2.347 punti, Nasdaq -0,08% a quota 5.814 punti.

Sulla Borsa milanese occhi puntati sulle banche, finite ieri nuovamente nel mirino delle vendite . Data chiave per l’aumento di capitale di Unicredit. Infatti oggi è l’ultimo giorno valido per negoziare i diritti di opzione, mentre ci sarà tempo fino al 23 febbraio per esercitarli.

Si conferma il clima di attesa per il risiko bancario assicurativo che vede Generali nel mirino di Intesa Sanpaolo. Il gruppo del Leone continua a mettere a punto la sua strategia difensiva. Allo stesso tempo si è appreso che mercoledì scorso il presidente di Generali Gabriele Galateri e l’Ad Philippe Donnet si sono recati in visita dal premier Gentiloni al termine del cda della compagnia che si è svolto a Roma. Secondo alcune fonti si sarebbe trattato di una semplce “visita di cortesia”.

Ieri sera sono usciti in Germania i risultati di Allianz, che nel 2016 ha registrato un utile netto in crescita del 4% a 6,9 miliardi di euro, con un balzo solo nel quarto trimestre del 23%. Ricavi a 122,4 miliardi (-2,2%), utile operativo a 10,8 miliardi (+0,9%). Il gruppo assicurativo ha annunciato un piano di buy back per 3 miliardi di euro, al via oggi per una durata massima di 12 mesi. Il Cda ha proposto di alzare il dividendo a 7,60 euro per azione da 7,30 euro. Sul fronte della capitalizzazione i parametri Solvency II si attestavano a fine 2016 al 218%, in crescita dal 200% di un anno prima. Per l’anno in corso, Allianz stima un utile operativo in linea con quello del 2016, pari a 10,8 miliardi di euro.

Fca news 15-02-2019 — 11:19

Fca bocciata da Banca Imi, il 2019 è molto impegnativo

La banca d’affari taglia raccomandazione e target price a causa delle guidance sotto le attese annunciate dai vertici aziendali in occasione della pubblicazione dei conti

continua la lettura