Mar 28 Giugno 2022 — 23:14

Nexi, sulle azioni cala la scure di Jp Morgan



Il broker, che non vede attualmente catalizzatori per il titolo, taglia la raccomandazione e dimezza il target price

nexi fusione sia

Nexi in netto calo a Piazza Affari: sulle azioni pesa la scure degli analisti di Jp Morgan, che hanno tagliato raccomandazione e prezzo obiettivo sul titolo della paytech italiana.

Il broker, che non vede attualmente catalizzatori per il titolo, taglia la raccomandazione e dimezza il target price.

Jp Morgan in particolare ha abbassato il rating su Nexi da overweight a neutral e il target price da 20,40 a 10,80 euro.

Il broker ha poi tagliato il prezzo obiettivo su Worldline da 72 a 59 euro, confermando sul gruppo francese la raccomandazione overweight.

Tornando a Nexi, benché le azioni siano a buon mercato, Jp Morgan passa a neutral “in quanto non vediamo catalizzatori imminenti a sostegno di una rapida rivalutazione”.

Fra i possibili catalizzatori la banca cita risultati migliori delle previsioni o fusioni/acquisizioni. Ma “nessuna delle due cose sembra probabile per Nexi, a causa della forte ripresa italiana nel secondo semestre del 2021” mentre “dato il recente consolidamento di Nets e Sia, Nexi ha ora un debito netto/ebitda di circa 3,6x”.

Il titolo viene solo in parte sostenuto da rumors sulla trattativa con Intesa Sanpaolo per l’acquisto del merchant acquiring book della banca in Croazia.
Per Equita strategicamente il deal sarebbe sinergico con la presenza di Nets che è leader nel business del payment processing in Sud-Est Europa. L’asset dovrebbe essere valutato circa 180 milioni di euro, “con un multiplo che stimiamo in linea con i recenti deal sui merchant book bancari a circa 10x Ev/Ebitda che porterebbe per Nexi a un accretion a livello di Eps di 1%”.

In Borsa alle ore 11,37 le azioni Nexi segnano -1,43% a 8,99 euro dopo un minimo in mattinata a 8,782 euro.

tim labriola 28-06-2022 — 10:02

Tim, 20mila dipendenti confluiranno nella rete: rumors

Indiscrezioni in vista del piano che sarà svelato il 7 luglio

continua la lettura