Sab 20 Aprile 2019 — 13:11

Nexi: in Borsa a un prezzo di 9 euro, assalto dei fondi



Si tratta al momento della maggior Ipo del 2019 non solo in Europa ma anche a livello mondiale. Fra i nuovi soci viene indicato anche il fondo sovrano di Singapore Gic

nexi borsa

Nexi sbarcherà in Borsa martedì prossimo 16 aprile a un prezzo di 9 euro per azione. L’offerta per il collocamento del gruppo dei pagamenti ha ricevuto richieste per 5,4 miliardi di euro da più di 340 investitori da tutto il mondo. Si tratta al momento della maggior Ipo del 2019 non solo in Europa ma anche a livello mondiale.

Nexi il prezzo delle azioni nella parte bassa della forchetta

Il prezzo è stato fissato a 9 euro per un enterprise value totale di 7,3 miliardi e il flottante in Borsa sarà il 35,6% per un valore di 2 miliardi. L’inizio delle negoziazioni su Borsa Italiana è appunto in programma martedì 16 aprile.

Il valore di 9 euro è nella parte più bassa della forchetta rivista nei giorni scorsi a 9-9,5 euro, mentre inizialmente l’intervallo era compreso tra 8,50 e 10,35 euro.

Chi entra e chi esce con l’Ipo: la carica dei fondi

Il gruppo, nato dall’Istituto Centrale delle Banche Popolari (Icbpi) e da CartaSì e posseduto da un consorzio di private equity composto da Bain Capital, Advent e Clessidra, ha aperto le sue porte a un esercito di fondi, in gran parte internazionali, e fra questi secondo quanto scrive il Sole 24 Ore ci sarebbe anche GIC, il fondo sovrano di Singapore.

Fra gli altri soggetti in campo vengono fatti i nomi di Blackrock, Vanguard, Fidelity, Julius Baer, Alliance Bernstein, Vontobel e del gruppo bancario Crédit Agricole.

Hanno invece ridotto del tutto o in parte le proprie quote in Nexi Banco Bpm, Popolare Sondrio, Creval e altre banche, mentre Ubi resta. Fra le società italiane che hanno comprato vengono invece citate fra le altre Fideuram, Pioneer, Mediolanum e Generali.

carige news 18-04-2019 — 09:54

Carige, piano di Blackrock lacrime e sangue

La taglia dell’aumento di capitale destinata a salire ad almeno 700 milioni, indiscrezioni sul taglio massiccio di filiali ed esuberi. Una call del gestore Usa sulla quota del Fitd

continua la lettura