Mer 29 Giugno 2022 — 00:22

Mps, trattative con Ue in stallo



Governo concentrato sul dossier Quirinale, punterebbe a chiudere le trattative su Siena entro la fine di marzo

fusione mps

Le trattative tra il Tesoro e la Ue, chiamata ad approvare il Piano Strategico Mps 2022-2026 e a stabilire la nuova data della privatizzazione della banca senese, starebbe attraversando una fase di stallo.

Mps, con Ue trattative in stallo

L’impasse nel negoziato sul futuro di Mps si spiegherebbe in sostanza con la partita in corso per il Quirinale, che sta calamitando l’attenzione della politica. In ogni caso, secondo quanto ha scritto nel fine settimana il Sole 24 Ore, il governo punterebbe a chiudere le trattative con la Dg Comp europea entro la fine di marzo.

Per il momento, secondo la ricostruzione di stampa, il dialogo tra il Mef e la Ue sul piano Mps non è ancora entrato nel vivo e soprattutto non si sono toccati i due temi principali: la proroga della presenza nel capitale del Tesoro (64%) e le relative modalità di uscita; nonché la revisione degli obiettivi del piano industriale e gli impegni di risanamento.

L’unico punto fermo pare essere il fatto che l’aumento di capitale da 2,5 miliardi, “cifra che potrebbe essere anche ritoccata strada facendo”, sia realizzato a condizioni di mercato. “Ancora tutti da definire però sono gli obiettivi quantitativi più sensibili, a partire dal cost/income di fine piano, tema a cui si legano a doppio filo gli
esuberi e la revisione del perimetro”, scrive il giornale.

Mps e le fusioni

Pur nell’incertezza, non mancano già ora le speculazioni su chi potrebbe essere il futuro partner ideale del Monte dei Paschi di Siena.

Se nei giorni scorsi è stato confermato un possibile ruolo di Mediocredito Centrale per rilevare filiali e snellire la banca, per quanto riguarda una fusione viene ricordato l’esito negativo delle trattative con Unicredit, sebbene qualcuno non escluda un possibile ritorno di fiamma. Viene poi citata Bper e i suoi potenziali progetti per dare vita a un terzo polo bancario assieme a Carige e potenzialmente Popolare Sondrio. Si guarda anche a Crédit Agricole Italia.

In Borsa alle ore 9,56 le azioni B.Mps segnano +0,07% a 0,9046 euro, in un comparto bancario oggi contrastato.

tim labriola 28-06-2022 — 10:02

Tim, 20mila dipendenti confluiranno nella rete: rumors

Indiscrezioni in vista del piano che sarà svelato il 7 luglio

continua la lettura