Mer 28 Settembre 2022 — 01:59

Mps convoca sindacati: le uscite saranno 3.500 entro il 2022



Partito il roadshow del ceo Lovaglio. Il titolo a caccia di un rimbalzo dopo una carrellata di minimi storici, ma le turbolenze non danno tregua

mps fusione

Mps ha convocato i sindacati per venerdì prospettandogli 3.500 uscite (esuberi) entro il 2022. Lo indicano rumors di stampa.

Mps, uscite a quota 3.500 nel 2022

Si tratterebbe di un numero inferiore rispetto ai 3.800 ipotizzati dai sindacati in un primo tempo.

Secondo il Messaggero, che cita alcuni passaggi della lettera, Mps varerà le uscite di personale attraverso il confronto sindacale, mediante il ricorso su base volontaria alle prestazioni straordinarie del Fondo di Solidarietà secondo i criteri di cui al relativo Regolamento di funzionamento, viene precisato.

Nella lettera di apertura del tavolo per gli esodi anticipati, viene delineata la strategia per gestire la voce più importante dei risparmi, contenuta nel piano industriale di Mps 2022-2026.

Lettera ai sindacati

“Il Piano Industriale costituisce la risposta alla complessità del contesto esterno ed interno – si legge nella lettera – e si pone come principale obiettivo quello di fare sì che la Banca abbia la capacità di generare una redditività duratura nel tempo, a beneficio dei clienti, dei dipendenti e dei territori nei quali opera, facendo leva sulle sue caratteristiche distintive: l’ampio network distributivo con forte radicamento territoriale e il talento delle persone del gruppo, la piattaforma digitale Widiba, la forza del marchio, la fiducia dei clienti e la cultura nativamente sostenibile (Esg) della Banca”.

“Per sostenere una solida generazione di ricavi, il Piano prevede una operatività più agile ed efficiente, affiancando al rilancio della piattaforma commerciale l’ottimizzazione della struttura organizzativa”.

Mps roadshow

Intanto l’ad Luigi Lovaglio è impegnato da ieri in un road show partito da Milano cui seguirà Londra e altre tappe, con l’obiettivo di attirare gli investitori alla luce del prossimo aumento di capitale da 2,5 miliardi, del quale il Tesoro ha garantito la sua quota del 64%.

Il titolo tenta oggi un rimbalzo dopo una carrellata di minimi storici, seguiti proprio alla presentazione delle nuove strategie che devono giustificare la ricapitalizzazione. Ma dopo un’escursione in territorio positivo, il Monte dei Paschi torna a cedere violentemente terreno.

Alle ore 10,24 le azioni B.Mps segnano -2,23% a 0,4952 euro, con il Ftse Italia Banche a -0,52%.

tim cvc 27-09-2022 — 11:02

Tim, un ruolo per l’accoppiata Berlusconi Xavier Niel?

Spunta un’ipotesi che poggia sul nuovo sodalizio italo-francese e sulla netta vittoria del centrodestra alle elezioni. Mfe smentisce “raccordi con Iliad e Tim”

continua la lettura