Gio 21 Marzo 2019 — 11:38

Mercati flash (Intesa SP) dell’8/11



Brusca correzione della produzione industriale tedesca, delude anche la Cina. Occhi puntati su elezioni Usa

Di seguito la morning note Mercati Flash a cura della Direzione Studi e Ricerche di Intesa Sanpaolo.
[right]Clicca sull’immagine per ingrandirla[/right]
{{*ExtraImg_32839_ArtImgRight_300x139_}}
Da seguire:

I dati cinesi sul commercio estero sono stati peggiori delle attese, per quanto in miglioramento rispetto a settembre. In ottobre, le importazioni risultano in calo di -1,4% a/a, mentre le esportazioni si contraggono di -7,3% a/a (precedente: -10,0%).

Area Euro

Germania. La produzione industriale è calata di -1,8%m/m a settembre, correggendo parte dell’eccezionalmente forte dato di agosto (+3,0% m/m), dovuto a un balzo della produzione di beni capitali. A settembre, il calo della produzione è stato più intenso proprio in tale comparto (-2,4%); tuttavia, il calo ha interessato anche la produzione di beni intermedi e di beni di consumo. Netta flessione anche per la produzione energetica (-3,1% m/m) e per le costruzioni (-1,5% m/m). Nel trimestre estivo la produzione industriale è salita di 0,2%, a fronte di un calo di -0,9% nel secondo trimestre. Le indagini PMI e IFO indicano una probabile riaccelerazione dell’industria tedesca in autunno grazie al recupero della domanda estera. I dati di commercio estero per settembre hanno mostrato un calo su base mensile di -0,7% per l’export e di -0,5% per l’import, flessioni che compensano in parte il balzo di agosto (+3,4% e +1,9% rispettivamente).

Stati Uniti

Il voto a livello nazionale rinnoverà tutta la Camera (435 seggi), un terzo del Senato (34 su 100 seggi) e determinerà i delegati al Collegio Elettorale per l’elezione del Presidente e del Vice-presidente. Nonostante il continuo susseguirsi di sorprese relative ai candidati per la presidenza e un grado inusuale di incertezza sull’esito del voto, la previsione centrale resta di governo diviso, con un presidente democratico, la Camera repubblicana e il Senato spaccato. Le prime informazioni sull’esito del voto inizieranno a uscire con gli exit poll, che però sono notoriamente poco affidabili. I primi stati a chiudere i seggi sono sulla costa Est. Fra gli stati incerti, i primi da seguire saranno Virginia (13 delegati) e Georgia (16 delegati)(chiusura alle 7 pm ora locale), Ohio (18 delegati) e N. Carolina (15 delegati) (chiusura 7:30 pm), New Hampshire (4 delegati) e Florida (29 delegati) (chiusura 8 pm).

Ieri sui mercati

I mercati scommettono su una vittoria di Hillary Clinton alle elezioni presidenziali americane. Ieri si sono osservati ampi rialzi degli indici azionari, un rafforzamento del dollaro sui mercati valutari e rialzi dei tassi sui titoli di stato americani e tedeschi, a fronte di cali sulla periferia europea.

Area Euro – le vendite al dettaglio sono calate di -0,2% m/m a settembre in linea con le previsioni.

Area Euro – Nell’ottava del 4 novembre il portafoglio PSPP della BCE ha visto un incremento di 17,12 miliardi di euro ed è salito a 1148,26 miliardi di euro. Gli acquisti di titoli covered sono stati pari a 1,02 miliardi di euro e aumentano il portafoglio a 198,66 miliardi; gli acquisti settimanali di ABS al netto dei titoli scaduti sono stati pari a 175 milioni di euro, portando il totale dei titoli in portafoglio a 21,29 miliardi di euro, mentre gli acquisti di titoli nell’ambito del CSPP sono stati circa pari a 2,54 miliardi, con un aumento del portafoglio fino a 40,36 miliardi.

Spagna – La produzione industriale è calata di -1,4% m/m in settembre, compensando in larga parte il balzo di agosto (+1,7%). La serie destagionalizzata registra comunque un incremento di 0,7% t/t nel trimestre estivo, in accelerazione rispetto al periodo precedente (0,4% t/t). La variazione tendenziale della serie rettificata accelera da 1,9% a 2,5% a/a.

mps news 20-03-2019 — 10:18

Mps: petitum da cause legali balza a 5 miliardi. Diamanti, altro sequestro

Torna a crescere il contenzioso. Sul caso dei diamanti, fra le righe del bilancio spunta un secondo ordine di sequestro preventivo

continua la lettura