Mer 08 Dicembre 2021 — 13:21

Mediobanca: trimestrale batte attese, no comment di Nagel su battaglia Generali



Commissioni record. Anche l’outlook è positivo, confermata la politica dei dividendi

mediobanca trimestrale

Azioni Mediobanca positive a Piazza Affari dopo una trimestrale migliore delle attese grazie a “una crescita vivace e sostenibile di tutte le divisioni”, sottolinea la nota sui conti di Piazzetta Cuccia.

Mediobanca, trimestrale ok

Mediobanca ha chiuso il primo trimestre dell’esercizio 2021/22 con un utile netto di 262 milioni di euro, in crescita del 31% rispetto ai 200 milioni dello stesso periodo dello scorso anno e superiore ai 225 milioni di utile trimestrale attesi dal consensus degli analisti. I ricavi si sono attestati a a 706 milioni di euro, in crescita del 13%, a fronte di previsioni per 665 milioni, con commissioni record per 203 milioni (+7%).

L’aumento della redditività porta il Rote all’11% dal 10% del settembre 2020, mentre sul fronte della solidità patrimoniale il coefficiente Cet1 è al 16,1%, in leggero calo (20 punti base) rispetto a giugno.

Confermata la politica dei dividendi con un payout del 70%.

Quanto all’outlook, Mediobanca si attende nel secondo trimestre dell’esercizio “un progresso del margine di interesse ed un flusso commissionale in linea con quello del primo trimestre, sostenuto in particolare dalla crescita del wealth management”.

Mediobanca, i commenti di Nagel

“L’andamento di questo trimestre ci fa essere fiduciosi sul conseguimento dei risultati del piano, che sono al 2023 – ha detto l’ad Alberto Nagel durante la conference call con gli analisti-. Siamo in un’ottima traiettoria per raggiungerli e in alcuni indicatori anche per batterli. E’ noto che questo è un risultato un po’ sorprendente perché il piano era già sfidante prima del Covid”.

No comment di Nagel sulla possibilità di un aumento della quota di Mediobanca in Generali, in vista dell’assemblea di aprile, e sull’eventualità che Piazzetta Cuccia possa chiedere all’Ivass di superare la soglia del 20% nel capitale del Leone, dopo aver superato il 17% grazie a un prestito titoli (controparte Bnp Paribas). “Non abbiamo intenzione di fare ulteriori commenti rispetto a quelli già fatti”.

Domani si terrà invece l’assemblea di Mediobanca, chiamata fra l’altro ma pronunciarsi sulle modifiche proposte dal socio Del Vecchio e in parte riviste dopo i rilievi dello stesso cda di Piazzetta Cuccia.

“Il nostro compito e la nostra responsabilità – ha commentato Nagel – è gestire il gruppo e portare risultati per tutti gli azionisti. Siamo concentrati su questo e tutto quello che facciamo è finalizzato a migliorare la performance economico-finanziaria a beneficio di tutti gli azionisti. Sul resto non interessati né compete a noi dare giudizio sui nostri azionisti, non è il nostro lavoro”.

In Borsa dopo le indicazioni della trimestrale le azioni Mediobanca alle ore 14,21 un +0,38% a 10,47 euro che si confronta con il -0,64% del Ftse Mib.

intesa cattolica 08-12-2021 — 10:20

Intesa Sanpaolo, ok al contratto integrativo

Accordo con i sindacati sull’armonizzazione per i dipendenti ex Ubi

continua la lettura