Mer 27 Ottobre 2021 — 19:19

Mediobanca al contrattacco su Generali: porta quota al 17,22%



Piazzetta Cuccia ha sottoscritto “con una primaria controparte di mercato” un’operazione di prestito titoli pari al 4,42% del capitale della compagnia assicurativa, che avrà durata “di circa 8 mesi e comunque almeno fino all’assemblea”

mediobanca generali

Mediobanca al contrattacco su Generali: l’istituto guidato da Alberto Nagel ha sottoscritto “con una primaria controparte di mercato” un’operazione di prestito titoli pari al 4,42% del capitale della compagnia assicurativa, portandosi così al 17,22% dei diritti di voto di Assicurazioni Generali.

L’operazione, spiega una nota diffusa in serata, avrà durata “di circa 8 mesi e comunque almeno fino all’assemblea” chiamata in primavera a rinnovare i vertici del Leone di Trieste. Il prestito titoli riguarda 70 milioni di azioni.

L’annuncio è arrivato al termine del cda che ha approvato il bilancio 2020/2021 e convocato l’assemblea per il 28 ottobre.

Questa dunque la risposta di Piazzetta Cuccia al patto Caltagirone-Del Vecchio, che fra l’adesione di Fondazione Crt e gli ultimissimi acquisti ha raggiunto il 12,53%.

E infatti fonti vicine a Mediobanca citate dalle agenzie spiegano che l’operazione di prestito titoli che permetterà a Piazzetta Cuccia di presentarsi all’assemblea delle Generali con una quota più rotonda, pari appunto al 17,22% del capitale, è stata fatta “a tutela dell’investimento in Generali tenuto conto del contributo significativo che apporta ai risultati della banca e per evitare una destabilizzazione strategica ed operativa che annacqui i risultati”.

Domani intanto è prevista una riunione del Comitato nomine, mentre lunedì 27 si terrà il board chiamato a decidere sulla lista del cda, che ha già visto la ricandidatura del ceo Philippe Donnet, avallata dai consiglieri non esecutivi.

mediobanca trimestrale 27-10-2021 — 02:22

Mediobanca: trimestrale batte attese, no comment di Nagel su battaglia Generali

Commissioni record. Anche l’outlook è positivo, confermata la politica dei dividendi

continua la lettura