Dom 27 Settembre 2020 — 17:59

Mediaset consolida in Borsa, nuovi target price



All’indomani della semestrale in perdita diversi analisti confermano giudizi cauti sul titolo del Biscione, modificando solo leggermente i target

Mediaset analisti

Le azioni Mediaset consolidano in Borsa, dopo il rally dei giorni scorsi e nel giorno in cui diversi analisti confermano giudizi cauti sul titolo del Biscione, modificando solo leggermente i target price.

Mediaset, analisti cauti

I report giungono peraltro all’indomani della semestrale chiusa con una perdita di 18,9 milioni, ma segnali positivi sulla pubblicità.

E’ inoltre iniziato il disgelo con Vivendi dopo la sentenza della Corte Ue che ha stabilito il diritto del socio francese di disporre dell’intera quota del 28,8%. Secondo quanto si è appreso, si è tenuta ieri l’attesa telefonata tra gli amministratori delegati Pier Silvio Berlusconi e Arnaud de Puyfontaine. Agcom si è presa invece qualche giorno di tempo per decidere.

mediaset pier silvio berlusconi

Il ceo di Mediaset, Pier Silvio Berlusconi

La stessa Barclays, che nei giorni scorsi aveva promosso Mediaset in un’ottica di futuro consolidamento del settore televisivo europeo, ha oggi incrementato leggermente il prezzo obiettivo sulle azioni del gruppo.

Mediaset, target price

Il broker ha confermato invece la raccomandazione equal weight, mentre il target price passa da 1,80 a 1,90 euro. Per Barclays il titolo non è a buon mercato, ma i trend pubblicitari sono migliori delle attese (luglio e agosto +10%, settembre sinora positivo). Le stime di Eps vengono ulteriormente ritoccate al rialzo del 2%.

Fra gli altri broker, Kepler Cheuvreux ha alzato il target da 1,40 a 1,50 euro con rating reduce.

Goldman Sachs ha ritoccato l’obiettivo di prezzo da 1,20 a 1,25 euro con giudizio sell.

In Borsa alle ore 14,54 le azioni Mediaset segnano -0,59% a 1,865 euro.

banco bpm credit agricole 25-09-2020 — 11:43

Banco Bpm, spunta la pista Crédit Agricole

Il titolo prosegue la sua corsa nonostante le smentite dei francesi. L’istituto resta comunque il possibile obiettivo di una prossima operazione di fusione bancaria

continua la lettura