Ven 18 Gennaio 2019 — 01:30

Leonardo si rafforza nell’industria dei droni



Il gruppo rileva il 60% di Sistemi Dinamici e acquisisce il controllo di un nuovo programma di pilotaggio remoto

Leonardo-Finmeccanica si rafforza nei sistemi senza pilota, un settore chiave non solo nell’aeronautica. Il gruppo ha raggiunto il pieno controllo di Sistemi Dinamici S.p.A. con l’acquisto del 60% del capitale da Ids spa.

Un’operazione, sottolinea Leonardo in una nota, mirata ad accrescere l’impegno di Leonardo nel settore “unmanned” grazie all’acquisizione del programma relativo al nuovo elicottero leggero a pilotaggio remoto SD-150 Hero (il drone nella foto).

Basata a Pisa, Sistemi Dinamici è nata nel 2006 con l’obiettivo di sviluppare moderne tecnologie elicotteristiche. Leonardo amplia così il portafoglio di elicotteri unmanned che già include il più grande SW-4 Solo e consolida le sue capacità come integratore di sistemi, comprendenti tanto le piattaforme quanto equipaggiamenti e sensori.

L’operazione secondo Mauro Moretti, amministratore delegato e direttore generale di Leonardo, “testimonia la qualità dei nostri investimenti nel campo dei sistemi unmanned, un settore ad alto valore aggiunto in cui Leonardo è leader in Europa. Grazie ad un’attenta strategia di investimenti, la nostra gamma di offerta si arricchisce ulteriormente, rendendo Leonardo ancor più competitiva e pronta a far fronte alle sfide del futuro nelle tecnologie avanzate”.

Hero è un elicottero a pilotaggio remoto (Ruas – Rotorcraft Unmanned Aerial System) che racchiude l’esperienza di Leonardo nella progettazione di elicotteri e integrazione di sistemi. La progettazione risponde alla richiesta del mercato per sempre più estese capacità operative attraverso l’impiego di sistemi a controllo remoto (droni). “Sviluppato per operazioni terrestri e navali, all’insegna della massima versatilità, Hero è la soluzione perfetta in termini di costo/efficacia per compiti quali monitoraggio del patrimonio ambientale e delle infrastrutture critiche, per supporto alle operazioni di salvataggio e protezione civile, per la valutazione dei danni in caso di disastri e per sorveglianza dei confini”, si vanta in una nota il gruppo Leonardo, tra le poche aziende al mondo a possedere una vasta gamma di tecnologie nel settore. L’offerta spazia dai velivoli realizzati autonomamente, come il Falco, lo Sky-Y, gli elicotteri SW-4 Solo e Hero, nonché piccoli droni per la sorveglianza e l’acquisizione delle informazioni, alle collaborazioni europee nei programmi Male Rpas e nEUROn. Leonardo è l’unica realtà in ambito europeo in grado di fornire soluzioni a pilotaggio remoto per missioni Istar (Intelligence, Surveillance, Target Acquisition and Reconnaissance), integrando piattaforme, sensori radar ed elettroottici e sistemi di missione e controllo a terra.

Mps 17-01-2019 — 10:06

Mps, ipotesi Sga su Npl. E per il risiko spunta Bper

La bad bank del Tesoro potrebbe acquisire gli Npl riducendo le necessità di capitale e creando le condizioni per un’aggregazione, ma sono ancora molti i nodi da risolvere

continua la lettura
NOTIZIE CORRELLATEtorna alla sezione

Unicredit vende agli austriaci il monte dei pegni

Bond bancari, investimento di lungo periodo

Deutsche Bank, è cinese il primo azionista

Migliora a marzo la fiducia degli investitori

Inwit per Morgan Stanley vale 5 euro

Bot, rendimenti aggiornano minimo storico

Oggi in Borsa: Telecom, Carige, Banco Bpm

Oggi in Borsa: Eni, Saipem, Tenaris, Carige, Mediaset, Lu-Ve, Triboo