Dom 24 Marzo 2019 — 02:44

Banche, la Bce lancia nuove aste Tltro: si parte a settembre



Francoforte conferma l’avvio delle nuove aste di rifinanziamento. Il primo rialzo dei tassi di interesse rinviato fino alla fine dell’anno

La Bce conferma le indiscrezioni degli ultimi giorni e lancia nuove aste Tltro.

I mercati si aspettavano da tempo un’iniziativa da parte dell’Eurotower per cercare di rilanciare l’economia dell’Eurozona e da Francoforte hanno ora deciso di fare il passo tanto atteso. Le aste non partiranno subito ma solo nel prossimo mese di settembre.

Il Consiglio direttivo ha lasciato invariati i tassi di interesse e, soprattutto, ha modificato le cosiddette forward guidance rinviando dall’estate alla fine del 2019 eventuali rialzi per il costo del denaro e “in ogni caso finchè sará necessario per assicurare che l’inflazione continui stabilmente a convergere su livelli inferiori ma prossimi al 2% nel medio termine”.

La novità principale, comunque, resta quella delle nuove operazioni di finanziamento rivolte soprattutto alle banche, al momento di nuovo in difficoltà nel sostenere il credito a causa proprio della frenata dell’economia. Gli analisti, dopo che il consiglio direttivo ha discusso dell’argomento nella prima riunione dell’anno, si aspettavano comunque l’avvio delle aste a giugno ma l’importante è che la Bce abbia fatto chiarezza dopo sulle tempistiche per non lasciare adito alle speculazioni.

Intanto lo staff Bce ha tagliato le stime di crescita del Pil dell’Eurozona (con le nuove stime a +1,1% nel 2019, +1,6% nel 2020 e +1,7% 2021) e dell’inflazione (1,2% nel 2019, 1,5% nel 2020 e 1,6% nel 2021).

La nuova serie di operazioni di rifinanziamento mirato a lungo termine (Tltro-III) sarà lanciata su base trimestrale, con inizio nel settembre 2019 e fine nel marzo 2021, ciascuna con una durata di due anni. Le nuove aste, nelle intenzioni della Bce, dovranno aiutare “a preservare condizioni favorevoli di credito e una trasmissione favorevole della politica monetaria. Con le operazioni Tltro-III le controparti potranno prendere in prestito liquidità fino al 30% del loro portafoglio di prestiti eleggibili, in essere al 28 febbraio 2019, a un tasso indicizzato su quello delle operazioni Mro per l’intera durata dell’operazione. Come con i Tltro precedenti, il Tltro-III avrà caratteristiche che incentivino le condizioni finanziarie a rimanere favorevoli”.

Tra le altre misure non convenzionali di politica monetaria, vi è anche l’intenzione di “reinvestire, per intero, il capitale rimborsato sui titoli in scadenza nel quadro del QE per un prolungato periodo di tempo dopo il primo rialzo dei tassi di interesse e in ogni caso finchè sará necessario per mantenere condizioni di liquiditá favorevoli e un ampio grado di accomodamento monetario. Le operazioni dell’Eurosystem continueranno a essere condotte a un tasso fisso per tutto il tempo necessario, e quantomeno fino alla fine del periodo di mantenimento delle riserve, a marzo 2021”.

A beneficiare delle nuove operazioni potranno essere soprattutto le banche italiane, che nelle precedenti aste hanno preso in prestito 240 degli oltre 700 miliardi di euro erogati complessivamente.

carige news 22-03-2019 — 09:52

Carige: countdown per le offerte. Closing su Creditis, rilancio per Cesare Ponti

Entro il 28 marzo si chiude per la cessione della società di credito al consumo mentre per la metà di aprile sono attese le offerte per l’aggregazione. Intanto primi passi concreti per il rilancio della società di gestione del risparmio con una nuova filiale a Genova

continua la lettura