Sab 04 Aprile 2020 — 23:12

Juventus “retrocessa” dal Ftse Mib, torna Mediolanum



Come titoli di riserva sono stati individuati nell’ordine Interpump, UnipolSai, Inwit e Iren

Juventus ftse mib

Juventus retrocessa dal Ftse Mib, indice principale della Borsa italiana, mentre torna Banca Mediolanum. Questi i verdetti comunicati da Ftse Russell al termine di una revisione dei listini.

Juventus lascia Ftse Mib

La decisione diventerà efficace dalla chiusura di Borsa di venerdì 20 marzo ed è stata presa dal comitato tecnico della serie indice Ftse Italia.

L’avvicendamento scatterà quindi il prossimo 23 marzo, quando le azioni Juventus dopo 15 mesi non compariranno più sul listino delle blue chip milanesi.

Juventus infatti aveva debuttato sul Ftse Mib a dicembre 2018, con Amplifon e in sostituzione di Mediaset e della stessa Mediolanum.

Massimi storici

Da allora il titolo aveva ricevuto grande impulso dalla promozione, anche in termini di visibilità, superando di slancio il prezzo di 1 euro per azione fino a massimi storici di 1,7 euro.

Juventus è poi tornata sotto pressione proprio nelle ultime settimane, scontando una combinazione di fattori tra cui l’andamento dei conti, il cammino incerto in Champions League e l’impatto del coronavirus sul calcio italiano.

In “panchina” Interpump, UnipolSai, Inwit e Iren

Secondo una nota di Ftse Russell, come titoli di riserva sono stati individuati nell’ordine Interpump, UnipolSai, Inwit e Iren.

Per la cronaca, su Banca Mediolanum gli analisti di Ubs oggi hanno tagliato il target price da 8,40 a 7,50 euro confermando la raccomandazione neutral.

In Borsa alle ore 11,02 le azioni Juventus segnano -2,51% a 0,877 euro; Banca Mediolanum -2,15% a 7,04 euro. Il Ftse Mib cede l’l,23%.

Borsa milano 03-04-2020 — 11:31

Borsa Milano giù, crollo per Intesa Sanpaolo e Ferrari

Riprendono gli acquisti sul petrolio con una riunione in programma lunedì tra Opec e Russia, che potrebbero trovare un accordo su un taglio della produzione dopo la guerra dei prezzi delle ultime settimane. Sul fronte macro, negli Usa sono andati persi a marzo ben 701.000 posti di lavoro

continua la lettura