Mer 27 Maggio 2020 — 04:35

Intesa Sanpaolo nel 2019 batte attese, dividendi per 3,36 miliardi



La banca non si smentisce sulla remunerazione degli azionisti: la cedola incorpora un rendimento stimato sopra l’8,4%

intesa sanpaolo

Azioni Intesa Sanpaolo in spolvero oggi pomeriggio sulla Borsa di Milano dopo i conti 2019 usciti migliori delle attese, mentre la banca non indietreggia sulla remunerazione degli azionisti, con dividendi cash per 3,362 miliardi pari all’80% di payout indicato nel Piano d’impresa. Il cda guidato dal ceo Carlo Messina ha approvato una cedola di 19,2 centesimi di euro per azione a valere sul 2019.

Intesa Sanpaolo, utile e ricavi sopra attese

Intesa Sanpaolo ha chiuso il 2019 con un utile netto di 4,182 miliardi, in crescita del 3,3% da 4.050 milioni del 2018, di cui nel solo quarto trimestre 872 milioni, in calo del 16% sul quarto trimestre 2018 ma al dis opra delle previsioni del consensus degli analisti.

I proventi operativi netti sono saliti dell’1,5% a 18,1 miliardi, con interessi netti a 7 miliardi (-3,7%) e commissioni nette a poco meno di 8 miliardi (+0,1%). In calo del 2,1% a 9,3 miliardi i costi operativi, per un rapporto cost/income sceso al 51,4%.

Cet1 e crediti deteriorati

Sul fronte patrimoniale, il Cet1 è al 14,1% in base ai criteri in vigore a regime, e al 13,9% secondo i parametri transitori per il 2019.

Quanto ai crediti deteriorati, in rapporto al totale crediti, fanno segnare un Npe ratio lordo al 7,6%.

Intesa Sanpaolo, dividendo 2020

La banca ha deciso di staccare dividendi cash per 3.362 milioni di euro, pari all’80% di payout ratio indicato nel Piano di Impresa per il 2019: il cda ha deliberato di proporre alla prossima assemblea ordinaria la distribuzione di un dividendo 2020 (a valere sul 2019) di 19,2 centesimi di euro per azione.

Tale distribuzione avrà luogo a partire dal giorno 20 maggio 2020 (con stacco cedole il 18 maggio e record date il 19 maggio). Rapportando l’importo unitario al prezzo di riferimento dell’azione registrato lo scorso 3 febbraio, risulterebbe un rendimento (dividend yield) pari all’8,4%.

Utile visto in aumento

Intesa Sanpaolo nel 2020 prevede un «aumento del risultato netto rispetto al 2019, anche senza tenere conto della prevista plusvalenza derivante dall’operazione Nexi, a seguito di “una crescita dei ricavi, una continua riduzione dei costi operativi e un calo del costo del rischio”.

Tenendo conto della prevista plusvalenza Nexi, il “risultato netto del 2020 – prosegue la banca – è atteso collocarsi ben al di sopra di quello del 2019”. La politica di dividendi per l’esercizio 2020 prevede la distribuzione di un ammontare di dividendi cash corrispondente a un payout ratio pari al 75% del risultato netto.

In Borsa alle ore 14,34 Intesa Sanpaolo +3,41% a 2,363 euro.

mps rovellini 26-05-2020 — 10:47

Mps, il cfo Rovellini lascia con destinazione Banco Bpm

Il direttore finanziario in partenza con destinazione Milano. L’ad Bastianini avrebbe proposto due nomi per la successione

continua la lettura