Mer 24 Aprile 2019 — 12:59

Generali mette nel mirino la Slovenia



La compagnia sarebbe in trattative per acquisire una compagnia slovena, Adriatic Slovenica. Si parla di un prezzo di 150 milioni di euro

Non solo cessioni nel futuro delle Generali, ma anche acquisizioni, in particolare in quella Mitteleuropa da sempre area di riferimento per la compagnia triestina.

Secondo indiscrezioni provenienti dalla Slovenia, KD ha avviato trattative esclusive con Generali CEE, la holding del gruppo assicurativo responsabile delle attività nell’Europa Centrale e Orientale, per cedere il 100% di Adriatic Slovenica.

 
Il progetto di cessione è partito lo scorso novembre con il mandato di consulenza per la vendita a Lazard mentre a marzo il consiglio di amministrazione di KD Group ha deciso di invitare potenziali investitori interessati alla società assicurativa per condurre una due diligence.

Inoltre la scorsa settimana sarebbe stato firmato un accordo di esclusiva per una vendita da cui KD prevede di incassare circa 150 milioni di euro anche se il prezzo, sempre che l’operazione vada in porto, dipende dal destino scelto per le attività assicurative in ambito sanitario, rappresentanti il 40% circa dei premi lordi di Adriatic Slovenica.

Del resto il governo sloveno uscente aveva messo al centro del suo programma l’abolizione delle polizze sanitarie complementari ma finora la riforma non è mai stata realizzata e quindi il destino delle attività dipende dall’esito delle prossime elezioni anche perché molti partiti sono favorevoli all’abolizione.

Per le Generali l’acquisizione rappresenterebbe un modo per aumentare la penetrazione nel mercato sloveno. Il gruppo è presente nel Paese con Generali Zavarovalnica e una quota di mercato del 4,6%. Adriatic Slovenica può invece contare sul 14% circa del mercato assicurativo sloveno in termini di raccolta premi.

Eni news 24-04-2019 — 10:53

Eni, primo trimestre previsto in crescita

Il gruppo dovrebbe chiudere i primi tre mesi dell’anno con un utile operativo adjusted di 2,53 miliardi dai 2,38 miliardi del primo trimestre 2018, con il contributo decisivo come sempre dell’esplorazione & produzione

continua la lettura