Dom 19 Settembre 2021 — 07:32

Generali lancia opa su Cattolica, la Borsa fiuta un rilancio



Il titolo vola sopra il prezzo dell’offerta

opa cattolica

Generali ha deciso di promuovere un’opa volontaria totalitaria su Cattolica Assicurazioni a 6,75 euro per azione. Il titolo della compagnia veronese vola in Borsa oltre il prezzo dell’offerta.

Generali lancia opa su Cattolica

Il mercato sembrerebbe dunque scontare un ritocco del prezzo dell’opa su Cattolica.

Generali, che nei mesi scorsi aveva rilevato il 24% di Cattolica in aumento di capitale, ha messo sul piatto un premio del 15,3% rispetto al prezzo di Borsa di venerdì e di oltre il 40% sugli ultimi sei mesi. L’esborso massimo sarebbe di 1,176 miliardi.

Le azioni della compagnia veronese erano balzate del 15% venerdì scorso dopo una trimestrale brillante.

Da segnalare che a questo prezzo dell’opa Warren Buffet, che attraverso Berkshire Hathaway nel 2017 aveva rilevato il 9% del capitale a 7,35 euro, metterebbe a bilancio una minusvalenza. Fondazione Banca del Monte di Lombardia detiene il 3,16% di Cattolica, mentre Cariverona è scesa recentemente intorno all’1%.

teletrade warren buffett

Warren Buffett

Opa Cattolica, Generali punta a delisting

Il Leone di Trieste motiva l’offerta “con l’obiettivo di consolidare la propria posizione nel mercato assicurativo italiano, in coerenza con le linee guida del Piano Strategico di Generali 2021”.

Secondo le Assicurazioni Generali “l’acquisizione di Cattolica permetterebbe di diventare il primo gruppo nel mercato danni e di rafforzare la propria presenza nel mercato vita”. L’obiettivo è anche il delisting delle azioni dell’emittente che favorisce “gli obiettivi di integrazione, di creazione di sinergie e di crescita” dei due gruppi.

Rothschild & Co, insieme a Bank of America e Mediobanca, sono gli advisor finanziari di Generali nell’operazione, con Gianni
& Origoni consulente legale.

In Borsa alle ore 9,54 Cattolica +12,96% a 6,84 euro; Generali +0,06% a 16,855 euro.

unicredit ermotti 17-09-2021 — 10:25

Unicredit e Mps, si apre il capitolo esuberi

La banca milanese invoca le garanzie che furono accordate a Intesa Sanpaolo per le banche venete

continua la lettura