Ven 27 Maggio 2022 — 13:42

Fusione Banco Bpm Crédit Agricole, dialogo aperto



Si infittiscono le voci su un possibile matrimonio bancario italo-francese dopo un incontro tra i rispettivi ceo sul futuro della jv Agos

credit agricole rinnovabili edison

Nuove voci su una possibile fusione Banco Bpm Crédit Agricole. A rilanciarle è oggi il quotidiano La Repubblica, dopo che altri rumors di stampa avevano ventilato questa possibilità.

Fusione Banco Bpm Crédit Agricole

L’ipotesi di una fusione Banco Bpm Agricole arriva dopo la mancata offerta di Unicredit su Bpm a causa di una fuga di notizie che ha fatto discutere. Al punto che, si dice, la banca guidata da Andrea Orcel potrebbe guardare ora all’espansione all’estero.

Intanto si ragiona su un matrimonio italo-francese tra l’istituto guidato da Giuseppe Castagna e la Banque Verte che vede al timone in Italia Giampiero Maioli.

Nonostante i silenzi ufficiali, “dietro le quinte qualcosa si sta muovendo”, scrive Repubblica. Castagna e Maioli si sono incontrati a fine gennaio per fare il punto sulla governance di Agos, la società di credito al consumo controllata al 61% da Agricole e al 39% da Piazza Meda. E, secondo la ricostruzione di stampa, attorno a questa partecipazione potrebbe costruirsi un nuovo accordo.

Già due anni fa Bpm e Agricole erano m vicine a un’intesa, poi saltata. Da allora il Crédit Agricole è cresciuto ancora in Italia, rilevando il Creval, mentre Banco Bpm si propone sul mercato per un’aggregazione che darebbe vita a un secondo o terzo polo bancario in Italia.

Banco Bpm Agricole, l’ipotesi allo studio

L’ipotesi allo studio vedrebbe Castagna mantenere la poltrona di amministratore delegato “per altri quattro anni e quello dei francesi di ampliare ulteriormente il portafoglio italiano nel territorio più ricco”. Sempre che quest’ultimo progetto non venga stoppato dalla politica.

L’idea sarebbe quella di procedere per
gradi. In un primo momento tutte le attività in Italia del Credit Agricole (Cariparma, Friuladria, Creval) verrebbero fatte confluire in Banco Bpm, i cui attivi valgono circa il doppio. In cambio Agricole prendere azioni Banco Bpm e ne diventerebbe primo azionista anche se di minoranza.

La partecipazione dei francesi nella prima fase potrebbe abbassarsi sotto la soglia Opa se contemporaneamente il Banco vendesse al CA il suo 39% di Agos, quota che è valutata dagli analisti tra 800 milioni e 1,2 miliardi. Secondo questa ricostruzione, in un secondo tempo Agricole, che possiede le fabbriche prodotto, troverebbe il modo di entrare anche nelle joint venture di bancassurance, dove Banco Bpm ha diritto a riacquistare le quote che non possiede dagli attuali partner; e nel risparmio gestito, dove i francesi portano in dote Amundi, Bpm potrebbe cercare di sciogliere i legami con Anima.

In Borsa alle ore 9,49 Banco Bpm -1,88% a 3,026 euro, mentre proseguono le vendite sulle banche sul tema delle sanzioni alla Russia; il Ftse Mib si mantiene sulla parità dopo un tonfo ieri di oltre il 4%.

autogrill aumento di capitale 27-05-2022 — 09:37

Fusione Autogrill Dufry, le banche accelerano sull’operazione

Nuovi rumors, l’obiettivo è creare il leader europeo del settore. Il titolo avanza a Piazza Affari

continua la lettura