Mer 28 Settembre 2022 — 02:27

Ferrari Purosangue, piace a Borsa e analisti



Il prezzo per l’Italia dell’attesissimo bolide quattro porte di Maranello parte da 390mila euro e soddisfa il mercato

FERRARI PUROSANGUE

Azioni Ferrari in discreto rialzo all’indomani della presentazione della Purosangue, modello attesissimo in quanto debutta nel listino la prima auto a quattro sedili e quattro porte della storia del Cavallino Rampante. Il prezzo per l’Italia della Ferrari Purosangue parte da 390mila euro e sembra gradito a Borsa e analisti.

Ferrari Purosangue, prezzo convince Borsa e analisti

Si tratta del secondo modello più caro della casa dopo la spider hybrid. I volumi non supereranno il 20% della produzione totale per mantenerne l’esclusività. La domanda è già alta e gli ordini coprono la produzione di oltre due anni. Le consegne partiranno nel secondo trimestre 2023 in Europa e seguiranno dal terzo trimestre negli Usa e poi sugli altri mercati.

Fra i primi commenti dei broker, gli analisti di Banca Akros che per il Purosangue avevano ipotizzato un prezzo di 300mila euro di media e una vendita di circa 1250 veicoli a partire dal 2023, il prezzo più elevato potrebbe indicare volumi inferiori a questa stima e margini più elevati. La banca d’affari si aspetta comunque un impatto non significativo sull’ebitda atteso per il 2023 a circa 2 miliardi di euro.

Quanto costa una Ferrari

Per Equita alla luce della capacità produttiva, i volumi annui dovrebbero collocarsi tra le 2500 e le 3mila unità. “Il Purosangue si conferma uno dei driver di crescita trattandosi di una famiglia aggiuntiva. Ci saremmo aspettati un prezzo di partenza anche superiore, che comunque riteniamo aumenti per effetto delle personalizzazion”, scrive il broker.

Equita ricorda che la media di prezzo dei modelli Ferrari attualmente sul mercato, escludendo le tirature limitate, è di 310mila euro.

Quanto al prezzo di Borsa, le azioni Ferrari alle ore 11,33 segnano +2,38% a 200,2 euro.

tim cvc 27-09-2022 — 11:02

Tim, un ruolo per l’accoppiata Berlusconi Xavier Niel?

Spunta un’ipotesi che poggia sul nuovo sodalizio italo-francese e sulla netta vittoria del centrodestra alle elezioni. Mfe smentisce “raccordi con Iliad e Tim”

continua la lettura