Lun 27 Gennaio 2020 — 02:18

Fca, prosegue il recupero in Borsa: +14% da minimi Ferragosto



Dopo ennesime indiscrezioni il mercato continua a credere in una riapertura delle trattative per una fusione con Renault. Il dossier M&A resta infatti il principale catalizzatore per il titolo

fca raccomandazione

Tira aria di recupero in Borsa per le azioni dell’auto europea a partire da Fca, penalizzata quest’estate dal mancato accordo per la fusione con Renault e da vendite deboli soprattutto nel Vecchio Continente, mentre sul comparto aleggia il timore di una recessione innescata dalla guerra commerciale Usa-Cina.

Fca, azioni sostenute anche da nuovi rumors su Renault

Dallo scorso Ferragosto tuttavia, e più precisamente dal minimo di 10,93 toccato il 16 agosto, le azioni Fiat Chrysler Automobiles hanno recuperato oltre il 14% e scambiano anche oggi in rialzo.

A sostenere in parte il titolo sono anche le ennesime indiscrezioni riportate da un periodico francese, Challenges, secondo cui il presidente della Renault, Jean-Dominique Senard, sarebbe pronto a ridurre la partecipazione francese in Nissan in cambio del via libera giapponese alla riapertura dei negoziati con Fca. La rivista non cita fonti.

Le indiscrezioni offrono più che altro uno spunto per il rimbalzo, ma gli analisti fanno notare che non è la prima volta che tornano le voci su una possibile riapertura delle trattative Fca-Renault, per cui ritengono che qualcosa effettivamente si sia rimesso in moto.

Fca Bank colloca bond

Del resto nelle scorse settimane era stato lo stesso ceo Manley ad accennare alla questione. E il dossier M&A rimane in questo momento il principale driver per le azioni Fca.

Intanto oggi Fca Bank, la joint venutre tra Fca e Crédit Agricole, ha collocato un bond a 5 anni da 850 milioni di euro con ordini che hanno sfiorato i 2,2 miliardi.

In Borsa alle ore 15,20 Fca segna +2,46% a 12,52 euro.

Stm raccomandazioni 24-01-2020 — 01:12

Stm, raccomandazioni e nuovi target dopo i conti 2019

Ecco le valutazioni aggiornate di Deutsche Bank, Barclays, Goldman Sachs, Citigroup, Kepler Cheuvreux, Credit Suisse, Oddo Bhf

continua la lettura