Gio 21 Novembre 2019 — 02:57

Fca, frenata di Renault su nuove trattative per la fusione



Nuovo colpo di scena. Secondo il presidente Senard i negoziati sarebbero a un punto morto

fca renault

Nuovo colpo di scena nell’affaire Fca-Renault. Le trattative per la fusione sarebbero a un punto morto e non c’è stata alcuna ripresa dei negoziati come era emerso da indiscrezioni di stampa nelle scorse settimane. Lo scrive il quotidiano economico Les Echos citando alcune dichiarazioni del presidente della Renault Jean-Dominique Senard.

Fca-Renault, fusione sarebbe a un punto morto

Secondo Les Echos, il presidente della Renault Jean-Dominique Senard ha dichiarato a margine dell’assemblea generale di Nissan che il progetto di fusione del gruppo francese e di Fiat Chrysler Automobiles è stato “fermato” e “me ne sono pentito”.

“So che sentiamo molte cose, ma oggi non c’è discussione”, ha detto Senard, secondo Les Echos. Né si parla di associare Nissan a una possibile operazione di questo tipo.

Partita chiusa?

I rumors su una ripresa delle trattative erano partiti dopo che l’ad di Fca, Mike Manley, era stato avvistato a Parigi: le indiscrezioni avevano parlato di colloqui avuti dal manager britannico con i vertici di Renault.

Si pensava inoltre che l’accordo raggiunto tra i francesi e Nissan sulla governance della casa giapponese avrebbe dato un’ulteriore spinta alle trattative per rimettere in piedi il progetto di fusione. Ma così non è stato, a meno che Senard non abbia preferito lasciare le carte coperte parlando con il maggiore quotidiano economico francese.

Sulla Borsa di Milano alle ore 10,21 azioni Fca in calo dello 0,78% a 12,020 euro, con Renault a PArigi in ribasso a sua volta di meno di 1 punto percentuale.

intesa sanpaolo nexi 20-11-2019 — 10:39

Intesa Sanpaolo e Nexi trattano maxi alleanza nel settore dei pagamenti

La banca guidata da Carlo Messina sarebbe pronta a conferire la propria divisione acquiring al gruppo specializzato nei pagamenti digitali, di cui diverrebbe un azionista di riferimento al 30-40%

continua la lettura