Mer 30 Novembre 2022 — 00:51

Dividendo Eni 2023, in arrivo a novembre nuova tranche



Il terzo trimestre va in archivio con un forte utile, anche se viene limata la stima sulla produzione. In rampa di lancio un bond retail

eni target price

Eni in rialzo a Piazza Affari dopo i conti del terzo trimestre 2022 archiviato con risultati in gran parte migliori delle stime del consensus. Il cda ha fra l’altro deliberato la distribuzione di una nuova tranche del dividendo Eni 2023 ed è previsto anche il lancio di un bond destinato al pubblico retail.

Eni, terzo trimestre 2022

L’utile netto adjusted nei tre mesi estivi segna 3,73 miliardi rispetto a 1,43 dello scorso anno e nei nove mesi raggiunge 10,8 miliardi; ebit adjusted a 5,77 miliardi (+132%); nel periodo la produzione di Eni segna a 1,578 milioni di barili di olio equivalente al giorno. Nell’outlook 2022 la produzione viene però rivista da 1,67 a 1,63 milioni di barili sulla base di un prezzo del Brent di 100 dollari al barile.

Rispetto all’utile netto consolidato di bilancio dei nove mesi pari a 13,26 miliardi, viene poi rilevato, “le attività italiane registrano una perdita netta di circa 1 miliardo che tiene conto principalmente dello stanziamento del contributo straordinario per il settore energia” (tassa sugli extra-profitti).

“Nonostante la flessione del prezzo del petrolio e la rapida caduta dei margini di raffinazione, abbiamo continuato a generare risultati positivi grazie principalmente alla robusta performance dei nostri business internazionali”, ha commentato l’amministratore delegato Claudio Descalzi.

Il manager si è detto convinto che “dal prossimo inverno saremo in grado di rimpiazzare il 50% dei flussi di gas russo facendo leva sul nostro ampio e diversificato portafoglio riserve”.

Dividendo Eni 2023

Quanto al dividendo, il cda Eni ha deliberato di distribuire agli azionisti la seconda delle quattro tranche del dividendo 2023, a valere sull’esercizio 2022, di 0,22 euro per azione. Ciò rispetto a un dividendo complessivo annuale pari a 0,88 euro e in linea con quanto anticipato il 18 marzo scorso in occasione del Capital Markets Day e con quanto deliberato dall’assemblea a maggio.

Per questa rata del dividendo Eni 2023 la data di stacco cedola è il 21 novembre 2022, record date 22 novembre, con messa in pagamento il 23 novembre.

Per quanto riguarda il buyback, il programma di riacquisto di azioni proprie da 2,4 miliardi è previsto completarsi entro fine anno.

Il cda ha poi deliberato la possibile emissione, entro il 31 dicembre 2023, di uno o più bond da collocare presso il pubblico indistinto in Italia e fino a 2 miliardi di euro. Le obbligazioni in linea con la strategia finanziaria di Eni saranno emesse nella forma di sustainability-linked bond, perseguiranno l’obiettivo di finanziare eventuali futuri fabbisogni, di mantenere una struttura finanziaria equilibrata e diversificare ulteriormente le fonti finanziarie.

In Borsa alle ore 9,48 le azioni Eni segnano +2,11% a 13,19 euro.

Borsa italiana oggi 29-11-2022 — 04:01

Borsa Milano oggi incerta, bene assicurativi, Erg positiva al debutto sul Ftse Mib

Azionario in cerca di una direzione dopo un avvio di settimana negativo e mentre si attendono soprattutto le prossime mosse delle banche centrali

continua la lettura