Lun 20 Maggio 2019 — 03:36

Cucinelli crolla dopo i conti, per Kepler Chevreux vale 32 euro



L’azienda umbra ha chiuso il 2018 con conti in linea con le attese ma al mercato evidentemente non basa. Intanto il broker francese rivede in parte le valutazioni e sottolinea le valutazioni eccessive del titolo

Brunello Cucinelli lusso Borsa

Titolo Brunello Cucinelli in forte sofferenza a Piazza Affari il giorno dopo la pubblicazione dei conti del 2018.

L’azienda umbra ha in particolare registrato l’anno scorso un utile netto normalizzato in crescita del 9,4% a 46 milioni di euro su ricavi netti in salita dell’8,1% a 553 milioni. L’Ebitda è inoltre migliorato dell’8,8% a 95,1 milioni e l’indebitamento finanziario netto di periodo a 14,5 milioni.

Il Cda ha pertanto deciso di proporre all’assemblea dei soci la distribuzione di un dividendo di 0,3 euro per azione, con un payout del 40,2%.

“Per il 2019, visto l’andamento delle vendite molto buone nella prima parte dell’anno e gli ottimi risultati conseguiti nella raccolta ordini per l’Autunno-Inverno, con tranquillità immaginiamo una bella crescita intorno all’8% del fatturato e una sana crescita dei profitti, seguitando sempre nel nostro progetto importante di investimenti”, ha commentato il presidente e amministratore delegato Brunello Cucinelli.

Intanto dal mondo degli analisti il primo commento ai dati annuali è di Kepler Cheuvreux, che ha confermato la raccomandazione hold e alzato il target price da 30,5 a 32 euro. I conti sono risultati in linea con le attese, ma gli analisti sottolineano anche le elevate valutazioni del titolo rispetto alla media dei concorrenti.

Alle 9,23 le azioni perdono il 7,25% a 32,60 euro con il mercato che evidentemente si aspettava qualcosa di più dai conti dell’azienda e ora sta prendendo profitto.

telecom tim news 17-05-2019 — 10:15

Tim, gelo di Starace (Enel) su dossier Open Fiber. Primo trimestre atteso in calo

Il numero uno di Enel ha detto che non c’è stata “nessuna sollecitazione formale da parte di Tim per possibili combinazioni, accrocchi e vendite”

continua la lettura