Ven 18 Gennaio 2019 — 01:26

Cattolica apre ai fondi, ecco la nuova governance



Il Cda approva il nuovo statuto da sottoporre all’assemblea. Si passa al modello monistico, si tagliano i consiglieri e si concede possibilità di rappresentanza ai grandi investitori istituzionali come Warren Buffett

Cattolica Assicurazioni va di corsa sulla questione della nuova governance. Il consiglio di amministrazione ha infatti approvato la nuova proposta di statuto da porre all’attenzione della prossima assemblea, in anticipo rispetto a quanto indicato recentemente dall’amministratore delegato Alberto Minali, in occasione dei dati del 2017 che non erano tuttavia piaciuti al mercato.

“Anche nell’ambito del lungo cda di ieri abbiamo dedicato una piccolissima sessione di aggiornamento sulla revisione della governance, ma la decisione definitiva sarà presa nel cda del 29 marzo”, aveva affermato due giorni fa Minali in occasione della presentazione dei risultati dell’esercizio 2017.

Il management ha invece deciso di stringere i tempi anche “con l’intento di porre fine ai rumors connessi all’adozione di un nuovo modello di governance”. Nuovo modello che si sostanzia in una serie di cambiamenti significativi rispetto al passato.

In sintesi i soci, riuniti in assemblea per il 27 aprile (28 aprile in seconda seduta), saranno chiamati a discutere, innanzitutto, dell’adozione del modello monistico, ossia il passaggio ad un unico organo amministrativo in luogo della presenza, attualmente, di un consiglio di amministrazione e di un collegio sindacale. In caso di via libera assembleare sarà infatti il Cda ad assorbire le funzioni di controllo affidate ai sindaci.

E’ inoltre prevista una riduzione dei consiglieri a 17, mentre al momento sono 18 i membri del consiglio di amministrazione e 5 i sindaci effettivi, nonché l’abolizione del comitato esecutivo e la soppressione del requisito di rappresentanza territoriale per i membri del nuovo Cda.

Un’ulteriore fattore di novità è rappresentato dalle nuove soglie di partecipazione al capitale. “L’assetto cooperativo non è in discussione ma vogliamo adeguare la governance ai migliori standard internazionali. Introdurremo la possibilità per gli investitori istituzionali, oltre una certa soglia, di avere una rappresentanza in cda”, aveva anticipato Minali. Dunque è stata confermata la soglia di partecipazione azionaria delle persone fisiche allo 0,5% mentre è stata alzata al 5% quella per le persone giuridiche, ossia gli investitori istituzionali. Cattolica ha spiegato che “il superamento del limite non impedisce di detenere ulteriori azioni, senza perdere la qualifica di socio. I diritti non patrimoniali restano esercitabili entro il limite delle soglie indicate”.

E poi, viene stabilita la possibilità di concedere rappresentanza in Cda anche agli investitori istituzionali. La proposta di modifica dello statuto prevede infatti la nomina di uno o due amministratori “tratti dalla lista che sia risultata prima per capitale – diversa dalla Lista di Maggioranza, risultata prima con voto capitario (una testa un voto), e anche da quella di Minoranza – avendo ottenuto voti corrispondenti al 10% o al 15% del capitale sociale, qualunque sia il numero di soci che l’abbia votata”. La modifica potrebbe per esempio aprire la strada all’ingresso tra i consiglieri di un rappresentante della Berkshire Hathaway di Warren Buffett, attualmente titolare di poco meno del 10% del capitale della compagnia veronese.

Le novità non hanno comunque sortito effetto sull’andamento del titolo anche per l’intonazione fortemente negativa dei mercati. Le azioni perdono a Piazza Affari l’1,45%.

Mps 17-01-2019 — 10:06

Mps, ipotesi Sga su Npl. E per il risiko spunta Bper

La bad bank del Tesoro potrebbe acquisire gli Npl riducendo le necessità di capitale e creando le condizioni per un’aggregazione, ma sono ancora molti i nodi da risolvere

continua la lettura
NOTIZIE CORRELLATEtorna alla sezione

Istat, delude la produzione industriale

Salini Impregilo guarda ad Astaldi

Del Vecchio porta a Parigi anche Beni Stabili

Market mover della settimana

Bond corporate, occhio alla trappola Bce

Banca Mondiale, bond in yuan e rupie

Oggi in Borsa: effetto banche venete

Usa, balzo record dei salari