Lun 08 Agosto 2022 — 02:38

Fondazione Cariplo si rafforza in Intesa Sanpaolo



L’ente consolida il ruolo di secondo azionista alle spalle della Compagnia di San Paolo

neva sgr intesa sanpaolo

Fondazione Cariplo scommette ancora su Intesa Sanpaolo, rafforzandosi dal 3,948% al 4,812% e consolidando il ruolo di secondo azionista di Intesa alle spalle della Compagnia di San Paolo (6,1190%).

Con questa mossa le fondazioni peraltro confermano il proprio ruolo di peso nell’azionariato della banca guidata da Carlo Messina. Fra queste: Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo (1,7918%), Cassa di Risparmio di Firenze (1,6836%), Carisbo (1,2555%).

Il processo si è concluso dopo l’acquisto graduale sul mercato di circa 194 milioni di azioni ed un investimento di poco inferiore ai 350 milioni di euro.

L’investimento di Fondazione Cariplo in Intesa Sanpaolo, prima di quest’ultima operazione, rappresentava il 20,87% dell’attivo a valori di mercato dell’ente ed è ora salito al 21,08%, mantenendosi comunque ben al di sotto del limite previsto dall’accordo Acri-Mef, pari al 33%.

Fondazione Cariplo conferma il “proprio ruolo di investitore di lungo termine in Intesa Sanpaolo, soggetto cruciale per l’economia del Paese, che ha presentato un Piano di Impresa in cui crediamo e per il quale rinnoviamo sostegno e plauso al management e alla governance della banca”, ha spiegato il presidente di Fondazione Cariplo, Giovanni Fosti.

Dal 2014 ad oggi Intesa Sanpaolo ha distribuito alle fondazioni azioniste dividendi per 4,5 miliardi di euro.

In Borsa alle ore 9,34 Intesa Sanpaolo +0,48% a 1,682 euro, in una seduta finora senza grandi spunti per le banche, e con il Ftse Mib a -0,5%.

moratorie covid 06-08-2022 — 11:35

Semestrali banche italiane, trainate dal margine d’interesse

L’analisi condotta per First Cisl dal Comitato scientifico della Fondazione Fiba sui conti di Intesa Sanpaolo, Unicredit, Mps, Banco Bpm e Bper

continua la lettura