Lun 19 Agosto 2019 — 23:40

Carige, commissariata dalla Bce per altri 6 mesi. Blackrock e Varde al rush finale



La proroga era inevitabile, ma è più lunga del previsto. Intanto i due fondi Usa sarebbero pronti a presentare a offerte nell’ordine dei 600-700 milioni

Carige salvataggio news

Banca Carige resterà commissariata dalla Bce fino al prossimo 30 settembre. Lo ha comunicato la stessa banca ligure nel fine settimana. La proroga era inevitabile, in vista della scadenza fissata per oggi e dei passi cruciali che attendono la banca ligure nelle prossime settimane, ma è più lunga del previsto. Le attese infatti puntavano su un rinnovo di altri 3 mesi dopo il provvedimento scattato a inizio anno. Francoforte però ha voluto prendersi tutto il tempo necessario, con l’obiettivo principale di traghettare la banca verso una potenziale aggregazione che vede tuttora in pole position i due fondi Usa Blackrock e Varde.

Carige ai commissari Bce fino al 30 settembre

La notifica alla Banca Carige da parte della Bce è avvenuta in data 29 marzo. Viene quindi confermato fino al 30 settembre il mandato
dei commissari Fabio Innocenzi, Pietro Modiano e Raffaele Lener, e dei membri del Comitato di Sorveglianza (Gian Luca Brancadoro, Andrea Guaccero e Alessandro Zanotti). Per la stessa Carige si tratta di “un lasso temporale adeguato per consentire ai Commissari di dare corso alle azioni correttive previste per assicurare il rispetto in modo sostenibile dei requisiti prudenziali”.

Viste le premesse, potrebbe allontanarsi ulteriormente il ritorno alle contrattazioni di azioni e obbligazioni Carige sospese dalla Consob. La sospensione, ricordiamo, resterà in vigore “fino alla vigenza” dell’amministrazione straordinaria, come ha decretato la Consob all’inizio di gennaio, a meno che non avvenga il ripristino di “un completo quadro informativo” anche “in esito alle ulteriori eventuali iniziative” che assumerà la Bce.

Blackrock e Varde limano le offerte

Si conferma pertanto come cruciale l’operazione straordinaria che dovrebbe portare all’acquisizione delle attività bancarie e dei crediti deteriorati da parte dei soggetti interessati. Le offerte vincolanti sono attese entro metà aprile e le ultime indiscrezione continuano a puntare su Blackrock e Varde Partners, che starebbero limando le offerte.

Il condizionale è d’obbligo, visti i precedenti legati ai potenziali salvataggi di banche italiane in difficoltà, a partire da Mps, con l’interesse da parte di possibili partner poi svaniti nel nulla.

I due fondi Usa sarebbero comunque determinati. BlackRock è assistito da Mediobanca e Varde da Lazard e Alixpartners. Entrambi potrebbero presentare un’offerta sull’intero perimetro di Carige.

Viene confermato anche l’interesse da parte di Apollo, frenato però dalle vecchie ruggini con la famiglia Malacalza. Quest’ultima peraltro è parte determinante delle trattative controllando oltre il 27% della banca.

Blackrock e Varde, secondo indiscrezioni citate dal quotidiano Il Messaggero, sarebbero pronte a mettere sul piatto tra 600-700 milioni, in linea con il piano dei commissari che prevede un aumento di capitale di 630 milioni. Sia Blackrock sia Varde vorrebbero che il Fondo Interbancario convertisse parte del bond da 320 milioni.

Varde, secondo il giornale, sarebbe favorita in quanto ha una struttura decisionale più snella. Il quartier generale della società di investimenti è infatti a Minneapolis, ma c’è una sede a Londra pronta a licenziare un’eventuale operazione. Altri rumors invece danno in vantaggio Blackrock, a conferma che si tratterebbe di un testa a testa.

L’assemblea di Carige chiamata ad approvare l’intera operazione dovrebbe svolgersi a giugno.