Ven 18 Gennaio 2019 — 01:32

Btp al 3%, il lato buono dello spread per i risparmiatori “cassettisti”



Nelle aste del Tesoro i tassi a 5 e 10 anni rivedono i livelli di giugno 2014. Anche il Bot semestrale torna attraente

Lo spread fa un regalo ai piccoli risparmiatori. Se da una parte i tassi più elevati sono una “tragedia” per le casse del Tesoro, costretto a riconoscere rendimenti più elevati per indebitarsi, dall’altra rappresentano ovviamente un’opportunità per gli investitori che vengono remunerati.

Un’occasione che si è improvvisamente manifestata in questi ultimi giorni di fiammate dei rendimenti sul mercato secondario, che si sono tradotti in tassi decisamente più alti nelle aste del Tesoro: prima i Ctz, poi il Bot semestrale il cui rendimento è tornato positivo, e infine oggi i Btp a 5 e 10 anni, che hanno spuntato tassi rispettivamente del 2,32% e del 3%, livelli che non si vedevano da giugno 2014.

Un’opportunità quindi soprattutto per i cosiddetti “cassettisti”, ossia per quegli investitori tradizionali che portano a termine il titolo (“buy and hold”) e non rischiano di rimetterci, a differenza di chi fa trading e rischia di incorrere in prezzi più bassi (oppure più alti, a fronte di un miglioramento del mercato, in questo caso guadagnandoci).

La scadenza ha 5 anni poi riduce il rischio legato alla durata e almeno per il momento batte largamente l’inflazione, che per l’Italia è stata in media dell’1,2% nel 2017, mentre ad aprile si è fermat allo 0,5% annuo.

Tornando agli esiti delle aste odierne, il rendimento medio del Btp decennale, al 3%, segna un balzo rispetto all’1,70% del collocamento di aprile. Il Tesoro ha assegnato titoli per 1,82 miliardi di euro contro un massimo importo previsto di 2,25 mld anche se la domanda ha rivisto i massimi da dicembre con un rapporto di copertura salito a 1,48.

Balzo anche per il rendimento del quinquennale schizzato al 2,32% da 0,56% precedente (assegnati 1,75 miliardi.

Sul secondario si assiste invece oggi al rimbalzo dei governativi italiani, con il tasso del Btp a 10 anni che in questo momento segna il 2,9% da 3,13% della chiusura di ieri, mentre lo spread con l’omologo bund tedesco si attesta a 256 punti da 290 circa di ieri.

Per domande, dubbi e approfondimenti scrivete a redazione@finanzareport.it, le risposte saranno pubblicate nella sezione Le Vostre Domande.

Mps 17-01-2019 — 10:06

Mps, ipotesi Sga su Npl. E per il risiko spunta Bper

La bad bank del Tesoro potrebbe acquisire gli Npl riducendo le necessità di capitale e creando le condizioni per un’aggregazione, ma sono ancora molti i nodi da risolvere

continua la lettura
NOTIZIE CORRELLATEtorna alla sezione

Le tre streghe di fine giugno

Borsa, Milano in rialzo con dati e petrolio

Ei Towers in rally dopo Opa Mediaset con F2i

Trump, è già corsa a investire negli Usa

Bnp Paribas Ip, strategia settimanale

Mercati flash (Intesa SP) del 26/08

Brembo, Akros taglia rating e prezzo obiettivo

Borsa: Milano positiva, in recupero le banche