Lun 06 Dicembre 2021 — 23:59

Bper, per analisti Mediobanca fusione più vicina con Banco Bpm o Sondrio



Il titolo riparte in Borsa complice un’analisi di Mediobanca che vede un possibile deal nel breve termine

bper uscite

Bper torna sotto i riflettori del mercato in vista di una possibile fusione che secondo un report di Mediobanca potrebbe arrivare nel breve periodo, con Banco Bpm o Popolare Sondrio quali partner potenziali.

Bper, fusione più vicina secondo analisti Mediobanca

Il titolo trova così uno spunto per ripartire in Borsa dopo la debolezza delle ultime settimane. Le azioni Bper avevano chiuso ieri poco mosse nonostante la buona semestrale, mentre il mercato avrebbe sottovalutato le dichiarazioni del ceo Piero Montani in tema di fusioni/acquisizioni

Gli analisti di Mediobanca in particolare notano che durante la conference call di presentazione dei conti “il management è apparso più costruttivo sull’M&A in Italia e il possibile coinvolgimento di Bper”.

Montani da una parte ha ribadito che Bper resta focalizzata sull’integrazione degli sportelli ex Ubi, ma dall’altra ha ammesso che “potremmo essere coinvolti” e “se sarà così valuteremo la convenienza per i nostri azionisti”. Inoltre “lo scenario stand alone per noi è molto remoto”.

Bper, opzioni per fusione sono Banco Bpm e Bp Sondrio

“Consideriamo questo messaggio positivo – commenta Mediobanca – e in linea con la nostra idea che l’M&A si verificherà nel breve termine e Bper ne farà parte con Banco Bpm o la Popolare di Sondrio”.

Montani ha fornito peraltro un ulteriore indizio precisando che Carige non interessa (“ha problemi”, secondo il banchiere). Torna così in auge l’opzione Banco Bpm, oltre a una possibile combinazione con la Banca Popolare di Sondrio, dove Unipol si è portata recentemente sopra il 9%. Unipol è anche il primo azionista di Bper.

Quanto al Banco Bpm, il mercato ultimamente aveva puntato su un’operazione con Unicredit, ma quest’ultima ora è concentrata innanzitutto sull’acquisizione di Mps.

Banco Bpm sotto la lente di Kepler Cheuvreux

Intanto anche Kepler Cheuvreux rispolvera l’ipotesi di un matrimonio fra Bper e Banco Bpm. Il broker ha alzato il prezzo obiettivo sulla banca guidata da Giuseppe Castagna, portandolo da 2,25 a 2,6 euro, seppure confermando la raccomandazione hold.

Dopo i conti spiega Kepler,
“aumentiamo le nostre stime di Eps adjusted 2021-2023 del 24% e il nostro prezzo obiettivo del 15%, confermando comunque il nostro giudizio hold” sull’azione. Ciò “dal momento che il margine di rialzo è limitato su base standalone. I catalizzatori per il titolo sono il nuovo piano industriale (atteso dopo l’estate), la potenziale creazione di valore di un’operazione M&A (oltre il 30% sul target price con Bper) e una migliorata remunerazione degli azionisti (4-5% di rendimento)”.

In Borsa alle ore 14 53 le azioni Bper segnano +7,65% a 1,759 euro,; Banco Bpm +6,43% a 2 715 euro; Bp Sondrio +3,5% a 3,84 euro.

unicredit fixed cash collect 06-12-2021 — 11:40

Unicredit promossa da Jp Morgan in vista di maggiori dividendi e rialzi dei tassi Bce

Il broker alza raccomandazione e target price sul titolo, quando mancano pochi giorni alla presentazione del nuovo piano

continua la lettura