Mar 19 Marzo 2019 — 16:43

Borse caute attendono Fed, Milano sulla parità



Europa e Wall Street deboli, torna ad allargarsi lo spread

Piazza Affari chiude debole, come le altre Borse europee, una seduta senza spunti importanti, se si fa eccezione per la lunga attesa in vista del meeting della Fed del prossimo 15 marzo. Il Ftse Mib segna nel finale +0,03% a 19.455 punti.

Vendite sull’obbligazionario con il differenziale (spread) tra Btp e Bund tedesco a 10 anni che si amplia a 186 da 182 punti base della chiusura di ieri. Il rendimento del benchmark italiano è in salita al 2,18% dal 2,15%.

Il resto d’Europa Borse va in ordine sparso con Francoforte che guadagna lo 0,06% a 11.966 punti, Parigi -0,35%, Madrid -0,02%, Londra -0,15%.

L’indice Eurostoxx di area euro si attesta a 3.385 punti (-0,07%), Stoxx 600 europeo a 372,27 (-0,27%).

Negli Usa a metà seduta il Dow Jones segna -0,14 a 20.924 punti, S&P 500 -0,25% a 2.369 punti, Nasdaq -0,2% a quota 5.839 punti.

Sul mercato dei cambi l’euro/dollaro è stabile a quota 1,0581 (+0,03%).

Poco mosso il petrolio con il Brent a 56,07 dollari (+0,1%) e il Wti a 53,36 (+0,3%).

A Piazza Affari nel mirino alcune banche (e indice di settore marginalmente positivo +0,17%) con Bper che lascia sul terreno il 4,2% a 4,38 euro, seguita a distanza da Ubi -2,2% a 3,18 euro, mentre Banco Bpm recupera lo 0,67% a 2,41 e Unicredit +0,66% a 13,74 euro. Intesa Sanpaolo +0,26% a 2,32 dopo la cessione di Allfunds Bank per 900 milioni a un gruppo di private equity e al fondo sovrano di Singapore.

Tengono banco le dichiarazioni del ceo di Fca Sergio Marchionne, che dal Salone di Ginevra ha rilanciato il dialogo con Volkswagen per il “rafforzamento in Europa”. Nella galassia svetta la casa madre Exor +1,22% a 45,59, con Fca che avanza dello 0,1% a 10,40 euro, Ferrari +1,06% a 62,05 euro.

Volano fuori dal listino principale Ei Towers +5,33% e Rai Way +5,29%, sulle indiscrezioni di un nuovo risiko delle torri.

Giù invece Snam -1,45% che ha presentato i conti e il piano industriale al 2021 con investimenti complessivi per 5 miliardi. In rosso anche Ynap (-2,48%), Poste -1,57% e Terna -1,53%. Leonardo registra a sua volta un -2,23%. Rimbalzano Prysmian +1,1% e Stm +0,97%.

Leonardo news Finmeccanica 19-03-2019 — 09:39

Leonardo avanza in Borsa, AlphaValue passa a buy

Il broker rivede al rialzo il prezzo obiettivo dopo i conti 2018 e le guidance 2019 sopra le attese

continua la lettura