Mar 22 Ottobre 2019 — 14:40

Bio-on: la Consob indaga su crollo dei conti, alleanze e ruolo Banca Finnat



La Commissione vorrebbe vederci chiaro anche sulle joint venture siglate dal gruppo bolognese già finito nel mirino del fondo Quintessential. Il titolo nuovamente sotto pressione in Borsa

Bio-on consob bioplastica

Bio-On nuovamente sotto pressione in Borsa dopo che la Consob avrebbe approfondito le indagini sul gruppo bolognese della bioplastica, già finito l’estate scorsa nel mirino del fondo Quintessential, mentre dopo questo scossone i conti della prima semestrale 2019 hanno mostrato un crollo dei ricavi da 917 mila dai 6,12 milioni. Un faro peraltro acceso a partire dallo scorso luglio, come di prassi, secondo quanto confermato dalla Commissione.

Bio-on, Consob ipotizza abuso di mercato

La Consob, secondo una ricostruzione del quotidiano La Stampa, ipotizza l’abuso di mercato per l’azienda considerata un gioiello dell’Aim, il listino delle pmi di Borsa Italiana sul quale Bio-on aveva superato di slancio il miliardo di capitalizzazione con una quotazione di 70 euro per azione.

Poi era arrivata nel luglio scorso la denuncia di Quintessential, fondo attivista americano guidato dall’italiano Gabriele Grego, che ha dichiarato anche a Consob un interesse economico nella discesa del titolo e ha denunciato una serie di presunte irregolarità della società emiliana.

Il titolo Bio-on è così crollato dai 55,3 euro del 23 luglio scorso ai 15 euro due giorni dopo, e questa mattina apertura ha segnato nuovi minimi a 7,36 euro, ed è fermo in questo momento in asta di volatilità.

Le joint venture della bio-plastica

La Commissione guidata da Paolo Savona, secondo fonti finanziarie citate dal quotidiano torinese, vuole vederci chiaro sui conti in netto calo dei primi sei mesi del 2019 e sulle joint venture siglate da Bio-on con società partecipate per diffondere applicazioni legate a brevetti e basate sul Pha, il polimero interamente biodegradabile.

Il fondo Usa da parte sua punta il dito contro Liphe e Aldia, due controllate di Bio-on che operano nella cosmetica, con cui sono state costruite alleanze, ma anche Zero Pack e Ucoats.

Del caso si sta occupando da mesi la procura di Bologna, a seguito di un esposto della stessa Bio-On dopo che il fondo Quintessential aveva accusato la società di essere essenzialmente una scatola vuota. Accusa evidentemente gravissima che era stata respinta con forza dai vertici di Bio-on, il presidente e ad Marco Astorri e il vice presidente Guido Cicognani, fondatori del gruppo.

Bio-on e il caso Banca Finnat

Tra le presunte anomalie che Consob dovrà verificare, spiega la Stampa, c’è anche il ruolo di Finnat, che riveste il ruolo di expert per Bio-On e il 14 dicembre 2018 aveva pubblicato un report su Bio-on che assegnava al titolo una raccomandazione buy con target price di 86 euro.

Successivamente, spiega il quotidiano che cita un consulente del fondo Usa, Maurizio Salom, nel gennaio 2019 Finnat “ha concesso 15 milioni di euro di prestito, con scadenza al 30 giugno 2019, a Capsa ma in cambio la banca ha voluto da questa holding di proprietà di Marco Astorri e Guido Cicognani (che controlla Bio-On) azioni in pegno della stessa azienda della bioplastica per 45 milioni euro. Si tratta del triplo del valore del prestito e Finnat è anche socia delle due società Aldia e Liphe”.

Le ultime indiscrezioni vengono smentite nuovamente da Bio-on, che ricorda “di essere stata lei stessa a depositare a inizio agosto un esposto contro il fondo per Market Abuse e relativi reati di manipolazione, portato anche a conoscenza di Consob”; mentre Finnat non ha commentato.

In Borsa alle ore 11,34 le azioni Bio-on come detto restano sospese per eccesso di volatilità, dopo aver segnato in apertura 7,36 euro (-13,92%): Banca Finnat scambia in calo del -1,38% a 0,285 euro.

Borsa italiana trimestrali 22-10-2019 — 02:29

Trimestrali entrano nel vivo su Borsa italiana con Saipem, Moncler, Stm, Eni, Mediobanca

Gli operatori si stanno posizionando anche alla luce di questi eventi e delle previsioni degli analisti sui conti del terzo trimestre 2019

continua la lettura