Mer 08 Dicembre 2021 — 12:54

Banco Bpm avanza in Borsa, arriva il nuovo piano industriale



La banca guidata dal ceo Giuseppe Castagna sarebbe così la prima a svelare le proprie strategie post-Covid, focus su commissioni

banco bpm piano industriale

Azioni Banco Bpm sugli scudi in Borsa per la seconda seduta di fila, all’indomani del buy assegnato al titolo dagli analisti di Jefferies, mentre a spingere le quotazioni è anche l’attesa per il nuovo piano industriale che sarà presentato a breve.

Banco Bpm, in arrivo piano industriale

Banco Bpm infatti dovrebbe presentare il nuovo piano industriale 2021/2024 il prossimo 5 novembre, secondo quanto riferiscono indiscrezioni di stampa.

La banca guidata dal ceo Giuseppe Castagna sarebbe così la prima a svelare le proprie strategie post-Covid, mentre sempre a novembre è prevista la presentazione del piano di Unicredit, ma solo una volta che sarà andata in porto la trattativa con il Mef su Mps, tema peraltro anche oggi sotto i riflettori.

Da parte sua Bper ha già anticipato un importante piano di taglio dei costi e svelerà le nuove strategie a febbraio. Sempre a febbraio si attende il nuovo piano d’impresa di Intesa Sanpaolo.

Per tutte le banche italiane, uno dei cardini dei rispettivi business plan sarà probabilmente il rilancio dei ricavi attraverso le commissioni, visto che le previsioni sono ancora caute sul fronte del margine di interesse.

Non fa eccezione Banco Bpm. I driver su cui sta lavorando il team di Castagna, secondo quanto riporta oggi il Messaggero, puntano su un aumento di ricavi in funzione della crescita dei volumi dell’asset management e l’aumento delle commissioni assicurative.

Banco Bpm punta su risparmio gestito e assicurazioni

In particolare, Bpm detiene il 20% di Anima e Castagna punta a convincere molti clienti a trasferire la raccolta diretta nel risparmio gestito.

C’è poi il tema delle commissioni legate alle polizze, dove Bpm ha rinegoziato sia l’accordo con Covea in Bipiemme Vita sia con Cattolica in Vera vita. Nella prima, il diritto di Banco Bpm di salire dal 19% al 100% del capitale della partnership viene esteso fino alla fine del 2023. Nella seconda piazza Meda ha anticipato le scadenze per l’esercizio della put tra l’1 gennaio e il 30 giugno 2023, eventualmente posticipabile dalla banca di sei mesi in sei mesi per tre volte sino alla fine 2024.

L’anticipo dello scioglimento dell’alleanza rispetto alla originaria scadenza del 2033 consentirebbe all’istituto milanese di consolidare l’attività di bancassurance con incremento dei margini.

Certo il futuro di Banco Bpm potrebbe non essere stand alone, ma Castagna non sembra aver gradito nei mesi scorsi l’idea di un takeover da parte di Unicredit, mentre il deal più gettonato resta una potenziale fusione con Bper.

In Borsa alle ore 15,13 le azioni Banco Bpm segnano +2,59% a 2,89 euro.

intesa cattolica 08-12-2021 — 10:20

Intesa Sanpaolo, ok al contratto integrativo

Accordo con i sindacati sull’armonizzazione per i dipendenti ex Ubi

continua la lettura