Mer 20 Novembre 2019 — 06:17

Banca Ifis e Credito Fondiario verso un colosso degli Npl



Trattative al rush finale. La maggioranza del nuovo soggetto andrebbe all’istituto controllato dal fondo Elliott

banca ifis credito fondiario

Trattative al rush finale tra Banca Ifis e Credito Fondiario (ex Fonspa) per dare vita a un colosso della gestione e recupero di Npl. I negoziati partiti lo scorso agosto si avvicinano infatti alla scadenza di fine mese (giovedì) e secondo quanto scrive oggi il Messaggero i due gruppi avrebbero di fatto trovato un accordo. Se il deal sarà confermato, sembra destinato a imprimere una svolta al risiko degli Npl che vede oggi un altro importante dossier aperto, quello relativo a Cerved Credit Management.

Banca Ifis e Credito Fondiario verso accordo su piattaforma Npl

L’aggregazione fra le attività di gestione e recupero crediti di Banca Ifis e Credito Fondiario, secondo quanto scrive il quotidiano romano, è in dirittura d’arrivo. Domani dovrebbero svolgersi i rispettivi cda per deliberare.

Mancherebbero solo gli ultimi dettagli e l’accordo per la nuova piattaforma dovrebbe andare in porto. Il Credito Fondiario, controllato dal fondo Elliott (che è anche proprietario del Milan e socio di Telecom) è assistito dall’advisor Goldman Sachs, mentre Banca Ifis si appoggia a Citi.

Lo schema prevede che l’ex Fonspa scorpori l’attività di recupero crediti e la faccia confluire nella piattaforma che conterrà Ifis
Npl e Fbs spa, quarto operatore specializzato nella gestione di Npl ipotecari e corporate.

Quanto alle due capogruppo, Banca Ifis guidata dal ceo Luciano Colombini continuerà ad investire negli Npl e proseguirà nel factoring, leasing, finanza d’impresa; Credito Fondiario, sotto la guida di Iacopo De Francisco, andrà avanti nell’acquisto crediti deteriorati e nell’attività bancaria core.

elliott credito fondiario paul singer

Paul Singer, numero uno del fondo Elliott

I numeri dell’alleanza

La piattaforma frutto della fusione darà vita al secondo servicer italiano con 64 miliardi di masse gestite, dietro a DoValue (82 miliardi), e davanti a Cerved Credit management con 40 miliardi, Prelios 24 miliardi. Prima dell’aggregazione, Fonspa da sola aveva 41 miliardi.

Il nuovo soggetto, stando alle indiscrezioni di stampa, sarà controllato a larga maggioranza (60-70%) dalla banca controllata da Elliott.

Intanto nei giorni scorsi il fondo americano ha rafforzato la sua presa tramite la fusione fra la controllante Cf Holding e la controllata Fonspa.

In Borsa alle ore 10,52 le azioni Banca Ifis scambiano poco mosse: il titolo segna -0,06% a 15,43 euro.

ubi massiah 19-11-2019 — 11:08

Massiah (Ubi): non tutte le fusioni sono di successo

La banca al centro del dossier M&A assieme a Banco Bpm, Bper e Mps, ma l’ad preferisce restare cauto. Il nuovo piano nel primo trimestre

continua la lettura