Lun 08 Agosto 2022 — 02:43

Azioni Moncler: per Ubs ora valgono 62 euro, nel lusso ancora tanti buy



In un report sulle sfide per il settore del lusso il broker segnala diverse raccomandazioni d’acquisto ma conferma anche i sell su Tod’s e Ferragamo

azioni moncler borsa ruffini

Azioni Moncler in ribasso oggi a Piazza Affari, in linea con la giornata di realizzi per i listini azionari europei. Il titolo sconta però anche il taglio del prezzo obiettivo da parte degli analisti di Ubs, che in un report sul settore del lusso hanno tuttavia confermato la raccomandazione buy sull’azienda del piumino guidata da Remo Ruffini (nella foto).

Ubs ha rivisto le valutazioni su alcuni colossi europei del lusso, fra cui appunto Moncler, ma anche Tod’s e Salvatore Ferragamo (su cui viene confermato il rating sell) alla luce dei fattori che secondo il broker sono in grado di condizionare il lusso in questo momento: innanzitutto i timori di recessione, le restrizioni Covid in Cina e le aspettative su tassi di interesse più elevati.

In generale secondo Ubs la valutazione del settore al di sotto della media a 5 anni suggerisce che alcuni rischi sono già prezzati.

Sulla base di queste considerazioni ed elaborando gli scenari corrispondenti per ciascuna società, Ubs indica Kering in cima alla lista dei titoli preferiti, davanti a Richemont e Lvmh. Anche EssilorLuxottica è un buy, mentre il giudizio su Hermes e Burberry è neutral.

Venendo a raccomandazioni e target price sui titoli italiani, Ubs ha tagliato il prezzo obiettivo sulle azioni Moncler da 67 a 62 euro, confermando il buy.

Il broker inoltre ha tagliato il target su Tod’s da 33 a 28 euro; e su Ferragamo da 14,50 a 12,50 euro. Entrambi i titoli secondo la banca svizzera sono da vendere.

In Borsa alle ore 15,08 le azioni Moncler segnano -1,52% a 45,38 euro; S. Ferragamo -1,22% a 16,22 euro; Tod’s -1,15% a 34,4 euro.

moratorie covid 06-08-2022 — 11:35

Semestrali banche italiane, trainate dal margine d’interesse

L’analisi condotta per First Cisl dal Comitato scientifico della Fondazione Fiba sui conti di Intesa Sanpaolo, Unicredit, Mps, Banco Bpm e Bper

continua la lettura