Ven 30 Luglio 2021 — 16:59

Azioni Eni, promosse da Jefferies e Credit Suisse



Arrivano un buy e un neutral sulla scia di prezzo del petrolio e politica dividendi

azioni eni

Azioni Eni positive in Borsa dopo una duplice promozione arrivata in queste ore dagli analisti di Jefferies e da quelli di Credit Suisse. Entrambi i broker infatti hanno alzato raccomandazione e target price sul titolo del Cane a sei zampe.

Azioni Eni, nuove raccomandazioni e target price

Jefferies ha alzato il rating su Eni da hold a buy e il prezzo obiettivo da 9,10 a 13,30 euro, ben al di sopra degli attuali corsi azionari.

Il broker in un report sul comparto petrolifero cita aspettative su un prezzo del petrolio più elevato, ma anche l epolitiche di remunerazione. Il broker esorta gli investitori a concentrarsi sui riacquisti di azioni proprie, puntando su Bp e Shell, mentre per Eni viene evidenziato il rendimento dei dividendi come positivo.

Da parte sua Credit Suisse ha alzato la raccomandazione sulle azioni Eni da underperform a neutral e il target price da 11 a 12,50 euro.

Azioni Eni, focus sui dividendi

Il gruppo guidato da Claudio Descalzi secondo la banca svizzera ha il potenziale per offrire ai suoi azionisti una delle politiche di dividendo più interessanti del settore, ha scritto l’analista Thomas Adolff in uno studio pubblicato lunedì. Il nuovo prezzo obiettivo tiene conto, fra l’altro, di previsioni più favorevoli sull’andamento dei prezzi del petrolio a breve termine e di tassi di cambio favorevoli.

La nuova politica di Eni sui dividendi prevede un dividend floor di 0,36 euro per azione con Brent a 43 dollari al barile rispetto al precedente livello di 45 dollari al barile.

In Borsa alle ore 12,01 Eni +0,22% a 10,222 euro, in linea peraltro con l’odierna intonazione positiva di Piazza Affari.

unicredit mps esuberi 30-07-2021 — 03:23

Acquisizione Unicredit di Mps, fino a 6.000 esuberi ma su base volontaria?

Orcel: “Abbiamo concordato con il governo i principali presupposti da soddisfare per una transazione di successo”, evitare “esuberi non necessari”

continua la lettura