Mar 18 Gennaio 2022 — 07:30

Azioni Ariston: nuovi rating e target price



Equita raccomanda il buy, mentre Citi è neutral

ariston borsa

Azioni Ariston gettonate oggi in Borsa dopo i report con cui due banche d’affari hanno avviato la copertura sulla matricola di Piazza Affari.

Equita raccomanda il buy sul titolo, mentre Citi opta per il neutral: i rispettivi target price sono comunque superiori agli attuali corsi azionari.

Ariston ha debuttato in Borsa lo scorso 26 novembre dopo una Ipo che ha spuntato un prezzo di 10,25 euro per azione.

Equita Sim ha avviato oggi la copertura sulle azioni Ariston con rating buy e un prezzo obiettivo di 12,40 euro. Il broker inserisce il titolo nel suo portafoglio small cap, citando il “solido track record” in termini di ricavi e marginalitá.

Per Equita Ariston “ha le carte in regola per continuare a crescere anche grazie all`accelerazione dei mercati sottostanti che stanno e beneficeranno della sempre maggior spinta per soluzioni rinnovabili e ad alta efficienza. La recente Ipo agisce come ulteriore acceleratore della crescita”.

Sul fronte delle fusioni e acquisizioni gli esperti stimano post Ipo una potenza di fuoco da 1,3 miliardi di euro, in un mercato “ancora fortemente frammentato e atteso consolidarsi”. L`M&A inoltre “può ulteriormente rafforzare il portafoglio di soluzioni rinnovabili (come la recente acquisizione di Chromagen, attiva nel solare termico)”.

Più prudente Citi che assegna al titolo una raccomandazione neutral con target price di 10,75 euro. Se da una parte Ariston “è uno dei pochi modi per puntare sul tema della decarbonizzazione in Europa nel riscaldamento” dall’altra c’è “incertezza su quando questo stimolo diventerá effettivo”, sostiene il broker americano che schiera nel suo universo di copertura anche Schneider, Legrand, Signify nel settore.

Sulla Borsa di Milano alle ore 11,40 le azioni Ariston si mettono in luce con un +3,94% a 10,56 euro.

castagna banco bpm 17-01-2022 — 09:42

Castagna (Banco Bpm) cauto su terzo polo. Novità su caso diamanti

La sfida alle big del mercato non è “solo questione di dimensioni”. Per la vicenda delle pietre preziose transazioni quasi del tutto completate

continua la lettura