Gio 21 Marzo 2019 — 11:37

Apple, la Borsa snobba la multa Ue



Gli investitori non credono che Cupertino dovrà pagare un conto così salato, ma in ogni caso guardano alle enormi disponibilità di cassa

Per il momento la mega multa inflitta dalla commissione europea ad Apple non sembra pesare più di tanto sul titolo del colosso tecnologico americano. Alle 10,15 ora locale (le 16,15 in Italia) le azioni della società di Cupertino cedono lo 0,68% a 106,09 dollari. Il titolo sottoperforma di poco il Nasdaq e gli altri principali listini Usa, tutti in ribasso di circa -0,30%.

Sulla decisione presa oggi da Bruxelles pende ora il doppio ricorso di Apple e del governo irlandese, che secondo la Commissione Ue deve ricevere dalla società di Cupertino 13 miliardi più interessi di “tasse non pagate”. Gli investitori non credono che Apple pagherà un conto così salato, ma guardano in ogni caso alle immense disponibilità di cassa del produttore dell’iPhone, pari ad oltre 230 miliardi di dollari.

In una lettera il ceo Tim Cook ha inoltre replicato duramente alla Commissione europea, ricordando che Apple dà lavoro direttamente o indirettamente a 1,5 milioni di persone in Europa e affermando e che la multa rischia di avere “gravi conseguenze di ampia portata”.

Intanto c’è attesa per la presentazione dei nuovi iPhone 7, che si terrà il 7 settembre al Bill Graham Civic Auditorium di San Francisco. Fra le nuove caratteristiche del prodotto, secondo indiscrezioni, ci sarebbero la sostituzione del jack per le cuffie con una porta Usb, il caricamento wireless e il tasto Home ridisegnato.

mps news 20-03-2019 — 10:18

Mps: petitum da cause legali balza a 5 miliardi. Diamanti, altro sequestro

Torna a crescere il contenzioso. Sul caso dei diamanti, fra le righe del bilancio spunta un secondo ordine di sequestro preventivo

continua la lettura